Disturbo depressivo maggiore resistente agli antidepressivi: inefficacia dell'aggiunta del Testosterone transdermico nelle donne


Da uno studio è emerso che il Testosterone transdermico addizionale è risultato ben tollerato ma non più efficace del placebo nel controllo dei sintomi di depressione, affaticamento o disfunzione sessuale.

Nei pazienti con disturbo depressivo maggiore, la non-risposta al trattamento con inibitori selettivi del reuptake della serotonina ( SSRI ) e gli inibitori del reuptake della serotonina-noradrenalina ( SNRI ) è comune, in particolare nelle donne, e si verifica in circa il 70% dei pazienti nonostante un adeguato dosaggio.
Sono, pertanto, necessarie ulteriori strategie ben tollerate, in particolare quelle che non causano o esacerbano sintomi come affaticamento e disfunzione sessuale.
Dati preclinici e clinici hanno suggerito che il Testosterone transdermico, a dosaggi prossimi all'intervallo fisiologicamente normale per le donne ( dal 10% al 20% dei livelli maschili ), potrebbe essere un candidato per tale terapia.

I risultati di modelli preclinici e animali supportano l'ipotesi che gli androgeni possano modulare l'umore.
Inoltre, i dati clinici hanno suggerito un effetto benefico del Testosterone sull'umore negli uomini ipogonadici con depressione refrattaria, e anche piccoli studi randomizzati controllati con placebo su donne non-selezionate per la depressione maggiore hanno prodotto risultati simili.

Nell'attuale studio randomizzato e controllato verso placebo di 8 settimane, i ricercatori hanno mirato a determinare se l'aggiunta di Testosterone per via transdermica a basse dosi fosse in grado di migliorare la funzione sessuale, l'affaticamento e la gravità dei sintomi della depressione tra 101 donne di età compresa tra 21 e 70 anni con depressione maggiore resistente agli antidepressivi.

E' stato anche condotto un sottostudio di risonanza magnetica funzionale per valutare gli effetti sull'attività nella corteccia cingolata anteriore, una regione del cervello che regola l'umore.
In particolare, sono stati valutati gli effetti dell'aggiunta di Testosterone crema tra 1010 donne di età compresa tra 21 e 70 anni.
La gravità dei sintomi di depressione secondo la scala MADRS ( Montgomery-Åsberg Depression Rating Scale ) è servita come risultato primario, e la fatica, la funzione sessuale e le misure di sicurezza sono servite come endpoint secondari.
Il risultato principale del sottostudio fMRI era il cambiamento dell'attività nella corteccia cingolata anteriore.

L'età media dei partecipanti era di 47 anni e il punteggio MADRS basale medio era di 26.6.

87 partecipanti ha completato 8 settimane di trattamento. I risultati hanno mostrato una riduzione del punteggio MADRS tra i due bracci dello studio dal basale a 8 settimane, con il braccioTestosterone in diminuzione da 26.8 a 15.3 e il braccio placebo da 26.3 a 14.4.
I ricercatori hanno considerato questa una differenza insignificante tra i gruppi. Inoltre, i miglioramenti della fatica e della funzione sessuale, così come i loro effetti collaterali, erano gli stessi tra i gruppi.

Secondo i risultati del sottostudio fMRI, prima del trattamento c'era una relazione tra attivazione della corteccia cingolata anteriore e i livelli di androgeni; tuttavia, i ricercatori hanno riferito che non è emersa alcuna differenza nell'attivazione della corteccia cingolata anteriore con il Testosterone rispetto al placebo.

Sulla base di questi risultati e dei risultati di numerosi altri studi clinici recenti, l'aggiunta di Testosterone a basso dosaggio alla terapia in corso con farmaci antidepressivi, inefficaci, non dovrebbe essere raccomandata per le donne con depressione maggiore. ( Xagena2020 )

Fonte: American Journal of Psychiatry, 2020

Psyche2020 Gyne2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

I pazienti con sindrome del QT lungo ( LQTS ) sono ad alto rischio di eventi cardiaci. Molti pazienti con LQTS...


Mantenere gli individui in trattamento con antidepressivi dopo la remissione o il recupero dal disturbo depressivo maggiore è una strategia...


Uno studio ha esaminato l'influenza dei farmaci antidepressivi sul decorso della malattia dei pazienti con malattia infiammatoria intestinale ( colite...


La depressione è un problema molto comune che può capitare a chiunque. Le persone depresse tendono ad avere opinioni negative...


Il prurito cronico è un sintomo cutaneo comune con un marcato impatto sulla qualità di vita. Un trattamento adeguato può essere...


L'esposizione in utero agli inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), ampiamente impiegati come farmaci antidepressivi, può aumentare il...


Uno studio compiuto da ricercatori dell’University of Eastern Finland ( Finlandia ) in collaborazione con la Deakin University ( Australia...


L'associazione tra inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), uso di antidepressivi selettivi durante la gravidanza e rischio di...


I risultati di uno studio di coorte, retrospettivo, abbinato a punteggio di propensione, ha indicato un più alto rischio di...