I pazienti con sindrome da apnea ostruttiva notturna traggono beneficio da Acetazolamide durante un soggiorno ad alta quota


Molti pazienti con sindrome da apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) non sono in grado o non vogliono usare la terapia di pressione positiva continua delle vie aeree ( CPAP ) quando viaggiano in montagna per lavoro o nel tempo libero, anche se rischiano una marcata ipossiemia e una esacerbazione dell’apnea del sonno.

Poiché il trattamento dell'apnea ostruttiva notturna ad alta quota non è stato stabilito, è stata testata l'ipotesi che Acetazolamide ( Diamox ) migliori l’ipossiemia, il sonno e i disturbi respiratori in pazienti non-trattati in altro modo con apnea ostruttiva del sonno ad altitudini elevate.

Un totale di 45 pazienti con apnea ostruttiva notturna in terapia ventilatoria a lungo termine con CPAP, età media 64 anni, che vivevano ad altitudine inferiore a 600 m sono stati inseriti in uno studio randomizzato controllato con placebo, in doppio cieco, crossover, per la sequenza di esposizione al farmaco e all'altitudine ( 490 m, 1860 m e 2590 m ).

I pazienti hanno trascorso due periodi di 3 giorni in quota e un periodo di wash-out di 2 settimane sotto i 600 m In alta quota; i pazienti hanno interrotto la terapia CPAP e hanno ricevuto Acetazolamide 2 x 250 mg al giorno oppure placebo.

A 490 m, con CPAP interrotta, la media saturazione notturna di ossigeno è stata del 93%, e l'indice di apnea/ipopnea ( AHI ) è stato pari a 51.2 eventi/ora con la somministrazione di placebo a 1860 metri e 2590 m, i valori corrispondenti sono stati 89% e 85% e 63.6 eventi/ora e 86.2 eventi/ora, rispettivamente ( P minore di 0.01 vs 490 m, in entrambi i casi).

Con la somministrazione di Acetazolamide a 1860 metri e 2590 m, la saturazione di ossigeno è stata superiore ( 91% e 88% ) e gli indici di apnea/ipopnea inferiori ( 48.0 eventi/ora e 61.4 eventi/ora ), rispetto al placebo ( P minore di 0.01 in tutti i casi).

Acetazolamide ha ridotto PCO2 notturno transcutaneo, ha migliorato l’efficienza del sonno e l'insonnia soggettiva, e ha impedito eccessivi innalzamenti pressori in quota.

In conclusione, nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno che sospendono la terapia ventilatoria CPAP durante un soggiorno in altitudine, Acetazolamide ha migliorato l'ossigenazione, i disturbi della respirazione e la qualità del sonno stimolando la ventilazione.
Pertanto, i pazienti con OSA possono trarre beneficio da Acetazolamide ad elevata altitudine se la terapia CPAP non è praticabile. ( Xagena2012 )

Nussbaumer-Ochsner Y et al, Chest 2012; 141: 131-138


Pneumo2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

Uno studio ha dimostrato che l'apnea notturna, quando non è gestita da una terapia a pressione positiva continua ( CPAP ),...


Si è valutato se la presenza di apnea ostruttiva del sonno influenzi il metabolismo del glucosio in giovani individui magri,...


L'apnea del sonno è una importante comorbidità nei pazienti con malattia renale cronica e malattia renale allo stadio terminale. Anche se...


L’apnea durante il sonno è associata ad un aumento della mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca ischemica.Ricercatori del Toronto General...


Il trattamento dell’apnea ostruttiva nel sonno nei pazienti ambulatoriali con insufficienza cardiaca sistolica migliora la funzione cardiaca.Ricercatori dell’Ohio State University...


L’idea che la perdita di peso migliori l’apnea ostruttiva notturna si basa su poche dimostrazioni empiriche.Uno studio, eseguito in 4...


Ricercatori del Nottingham University Hospital in Gran Bretagna, hanno verificato l’ipotesi che l’apnea ostruttiva nel sonno sia più comune nelle...


L’apnea ostruttiva nel sonno ha un’alta prevalenza ed è caratterizzata da anormalità emodinamiche e neurormonali notturne, che possono aumentare il...


L’apnea ostruttiva notturna è caratterizzata da anomalità emodinamiche e neurormonali in grado di aumentare il rischio di infarto miocardico nel...