Il rischio di insufficienza cardiaca aumenta quando l'apnea notturna non è gestita con pressione positiva continua


Uno studio ha dimostrato che l'apnea notturna, quando non è gestita da una terapia a pressione positiva continua ( CPAP ), aumenta il rischio di insufficienza cardiaca indipendentemente dall'età.

Inoltre, questo studio nazionale di revisione di database ha anche rivelato che la terapia CPAP permette una sostanziale riduzione del rischio di insufficienza cardiaca negli anziani di età superiore a 60 anni.

Pazienti con apnea notturna sottoposti a terapia CPAP ( n=18.317 ) e che non avevano ricevuto la terapia CPAP ( n=22.168 ) tra il 2000 e il 2012 sono stati identificati da un database nazionale danese.
Questi pazienti sono stati confrontati con la popolazione generale

Il primo ricovero ospedaliero o l'esposizione a una diagnosi di insufficienza cardiaca primaria o secondaria rappresentavano l'endpoint primario.
L'insufficienza cardiaca di natura ipertensiva, l'insufficienza cardiaca, l'edema polmonare, l'insufficienza cardiaca sinistra, la cardiomiopatia e l'insufficienza cardiaca non-specificata erano le diagnosi incluse nell'analisi.

In totale 40.485 pazienti su 4.870.975 individui inclusi nel database hanno ricevuto una diagnosi di apnea ostruttiva del sonno per la prima volta durante il periodo di studio di 13 anni.
Nei pazienti con apnea del sonno, il tempo mediano per l'inizio della terapia CPAP è stato di 99 giorni durante un periodo di follow-up mediano di 3.8 anni.

Nei pazienti con apnea del sonno che non avevano ricevuto la terapia CPAP, il rischio di scompenso cardiaco è aumentato nei pazienti di età compresa tra 18 e 60 anni ( tasso di incidenza, IRR 0.81 ) e con più di 60 anni ( IRR 1.94 ), con più eventi che si sono verificati in individui sopra i 60 anni rispetto ai soggetti di età compresa tra 18 e 60 anni ( 157 vs 21, rispettivamente ).

Nei pazienti con apnea del sonno di età superiore a 60 anni, l'uso della terapia CPAP è risultato associato a un minor rischio di insufficienza cardiaca rispetto ai pazienti di età simile con apnea del sonno che non stavano ricevendo CPAP.

La natura osservativa e la dipendenza da un database amministrativo per la determinazione delle diagnosi di apnea del sonno e insufficienza cardiaca hanno rappresentato due limitazioni dello studio.
Inoltre, i ricercatori non sono stati in grado di determinare la gravità dell'apnea del sonno in questa popolazione.

La diagnosi precoce di apnea del sonno e l'attuazione precoce della terapia CPAP possono potenzialmente ridurre la morbilità e la mortalità associate, oltre ad aumentare la qualità della vita. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of American Heart Association, 2018

Pneumo2018 Cardio2018



Indietro

Altri articoli

L'eccessiva sonnolenza è un sintomo comune di apnea ostruttiva del sonno ( OSA ), che spesso persiste nonostante la terapia...


La FDA ( U.S. Food and Drug Administration ) ha approvato Sunosi ( Solriamfetol ) per migliorare la veglia nei...


L'apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) non-riconosciuta aumenta i rischi cardiovascolari nella popolazione generale, ma non è chiaro se...


L’apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) e la breve durata del sonno ( SSD ) sono frequentemente associati a...


Sebbene prove recenti suggeriscano che il trattamento dell’apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) possa causare aumento di peso, gli...


Le linee guida di anestesiologia suggeriscono che gli oppioidi peggiorino l'apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) nonostante non vi...


Nonostante le differenze sessuali consolidate e le ipotesi da lunga data sugli ormoni sessuali nell'eziologia dell'apnea ostruttiva del sonno (...


L’apnea del sonno, diagnosticata mediante polisonnografia notturna, è un fattore di rischio per la fibrillazione atriale. Pacemaker avanzati sono ora...


È stata valutata l'associazione tra apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) e sintomi non-motori, compresa la disfunzione cognitiva, nei...