Interruzione di Aspirina a basso dosaggio e rischio di infarto del miocardio


Uno studio nidificato caso-controllo ha valutato il rischio di infarto miocardico e morte per malattia coronarica dopo la sospensione di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio nei pazienti sottoposti a cure primarie con una storia di eventi cardiovascolari.

Hanno preso parte allo studio soggetti di età compresa tra 50 e 84 anni con una prima prescrizione di Aspirina ( 75-300 mg/die ) per la prevenzione secondaria degli esiti cardiovascolari nel periodo 2000-2007 ( n=39.513 ).

I pazienti sono stati seguiti per una media di 3.2 anni per identificare i casi di infarto miocardico non-fatale o morte per malattia cardiaca coronarica. L'analisi nidificata caso-controllo ha valutato il rischio di questi eventi in coloro che hanno interrotto il trattamento con Aspirina a basso dosaggio rispetto a coloro che hanno continuato il trattamento.

Si sono verificati 876 infarti miocardici non-fatali e 346 decessi per malattia coronarica.

Rispetto agli utilizzatori, le persone che hanno interrotto di recente l'assunzione di Aspirina hanno avuto un rischio significativamente aumentato di infarto del miocardio non-fatale o morte per malattia coronarica combinata ( rate ratio, RR=1.43 ) e di infarto miocardico non-fatale da solo ( RR=1.63 ).

Non c'è stata alcuna associazione significativa tra la recente sospensione di Aspirina a basso dosaggio e il rischio di morte per malattia coronarica ( RR=1.07 ).
Per ogni 1000 pazienti, per un periodo di un anno, ci sono stati circa 4 casi aggiuntivi di infarto miocardico non-fatale tra i pazienti che hanno interrotto la terapia con Aspirina a basso dosaggio, rispetto ai pazienti che hanno continuato il trattamento.

In conclusione, i pazienti con una storia di eventi cardiovascolari che interrompono la terapia con Aspirina a basso dosaggio sono ad aumentato rischio di infarto miocardico non-fatale rispetto a coloro che continuano il trattamento. ( Xagena2011 )

García Rodríguez LA et al, Br Med J 2011; 343: d4094


Cardio2011 Farma2011


Indietro

Altri articoli

E' stata valutata e confrontata l'efficacia dell'impiego a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio per la...


La nascita pretermine rimane una causa comune di mortalità neonatale, con un onere sproporzionatamente elevato nei Paesi a basso e...


Uno studio ha valutato la sicurezza e l'efficacia dell'Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] a basso dosaggio nello scompenso cardiaco non-complicato...


Una sottoanalisi dello studio COMPASS ha mostrato che i pazienti con cardiopatia coronarica cronica e arteriopatia periferica con o senza...


Vi sono crescenti preoccupazioni circa i rischi associati alla sospensione della Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] in assenza di interventi...


Le donne con diabete mellito di tipo 2, trattate con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) a basso dosaggio, hanno presentato...


L’infezione da Helicobacter pylori ( H. pylori ) e l'uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) o Aspirina a...


La somministrazione di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) a basso dosaggio avviata pre-concepimento potrebbe influenzare positivamente l'esito della gravidanza, ma...


Sono stati studiati gli effetti di diverse dosi di Aspirina sulla funzione endoteliale coronarica. Lo studio, effettuato in Giappone, ha...


I pazienti che hanno avuto un primo episodio di tromboembolismo venoso non-provocato hanno un elevato rischio di ricorrenza dopo la...