Eparina a basso peso molecolare per la prevenzione del tromboembolismo venoso in pazienti con immobilizzazione della gamba


L’immobilizzazione della gamba è associata a tromboembolismo venoso ( VTE ). L’Eparina a basso peso molecolare ( LMWH ) rappresenta un trattamento anticoagulante che potrebbe essere utilizzato nei pazienti adulti con immobilizzazione della gamba per prevenire la trombosi venosa profonda e le sue complicanze.

È stato fatto un aggiornamento della revisione pubblicata nel 2008 per valutare l'efficacia della Eparina a basso peso molecolare nella prevenzione della tromboembolia venosa in pazienti con immobilizzazione della gamba non costretti a letto.

Sono stati esaminati gli studi randomizzati e controllati e gli studi clinici controllati che descrivevano la tromboprofilassi a base di Eparina a basso peso molecolare rispetto a nessuna misura profilattica o placebo in pazienti adulti con immobilizzazione della gamba mediante gesso o tutore.

Sono stati inclusi 6 studi randomizzati controllati che soddisfacevano i criteri di cui sopra per un totale di 1.490 pazienti.

L’incidenza di tromboembolismo venoso variava dal 4.3% al 40% nei pazienti che avevano avuto un infortunio alla gamba che era stata immobilizzata con il gesso o un tutore per almeno una settimana e che non avevano ricevuto profilassi oppure placebo.

Questo numero è risultato significativamente più basso nei pazienti che hanno ricevuto iniezioni sottocutanee giornaliere di Eparina a basso peso molecolare durante l’immobilizzazione ( tassi di eventi che vanno da 0% a 37%, odds ratio OR=0.49; con evidenza minima di eterogeneità con un I2 del 20%, P=0.29 ).

Risultati analoghi sono stati osservati nelle seguenti sottocategorie: pazienti operati, pazienti trattati in modo conservativo, pazienti con fratture, pazienti con lesioni dei tessuti molli, pazienti con trombosi prossimale, pazienti con trombosi distale e pazienti con gesso sotto il ginocchio.

Le complicazioni di eventi emorragici maggiori sono state estremamente rare ( 0.3% ) e non ci sono state segnalazioni di trombocitopenia indotta da Eparina.

In conclusione, l'uso di Eparina a basso peso molecolare in pazienti non-ricoverati riduce significativamente il tromboembolismo venoso quando è necessaria l'immobilizzazione della gamba. ( Xagena2014 )

Testroote M et al, Cochrane Database Syst Rev 2014; 4:CD006681. doi: 10.1002/14651858.CD006681.pub3

Emo2014 Orto2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Da una nuova analisi è emerso che gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ), lo standard di cura per il...


COVID-19 è associata all'infiammazione e a un aumentato rischio di complicanze tromboemboliche. Dosi profilattiche di Eparina a basso peso molecolare...


Il tromboembolismo venoso correlato alla gravidanza è una delle principali cause di morbilità e mortalità materna e la tromboprofilassi è...


Il tromboembolismo venoso ( VTE ) è comune nei pazienti affetti da cancro. Le evidenze hanno suggerito che l’Eparina a...


Negli ultimi anni, gli warning di sicurezza hanno avvertito del rischio di gravi danni epatici farmaco-indotti, causati dai farmaci cardiovascolari....


Ci si è chiesti se in una donna di 35 anni con gravi complicanze ricorrenti della gravidanza mediate dalla placenta...


Benché la tromboprofilassi riduca il rischio di incidenza di tromboembolismo venoso nei pazienti con malattia acuta in ambito medico, non...


L’attuale terapia anticoagulante è dominata dall’Eparina a basso peso molecolare e dagli antagonisti per os della Vitamina K, che inibiscono...


Nonostante i suoi limiti, l’Eparina non-frazionata viene raccomandata come anticoagulante durante gli interventi coronarici per cutanei ( PCI ).Pochi studi...