Follow-up a 10 anni dei pazienti con stent a eluizione di Everolimus rispetto a stent di metallo nudo dopo infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST


I dati sugli esiti per uno stent a eluizione di Everolimus ( EES ) con polimero durevole al follow-up a lungo termine nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) non sono noti.

Sono stati valutati gli esiti a 10 anni dei pazienti arruolati nello studio EXAMINATION ( A Clinical Evaluation of Everolimus Eluting Coronary Stent in the Treatment of Patients With ST-Segment Elevation Myocardial Infarction ).

Lo studio EXAMINATION-EXTEND ( 10-Years Follow-Up of the EXAMINATION Trial ) è un follow-up di 10 anni guidato dallo sperimentatore dello studio EXAMINATION, che ha assegnato in modo casuale 1.498 pazienti con infarto STEMI a ricevere stent a rilascio di Everolimus ( n=751) o stent in metallo nudo ( n=747 ).

L'endpoint primario era un endpoint composito orientato al paziente di morte per tutte le cause, qualsiasi infarto miocardico o qualsiasi rivascolarizzazione.
Gli endpoint secondari includevano un endpoint composito orientato al dispositivo di morte cardiaca, infarto miocardico del vaso target o rivascolarizzazione della lesione target; le singole componenti degli endpoint combinati; e trombosi dello stent.

Il follow-up clinico completo a 10 anni è stato ottenuto nel 94.5% del gruppo stent a eluizione di Everolimus e nel 95.9% del gruppo con stent in metallo nudo.

I tassi dell'endpoint composito orientato al paziente e dell'endpoint composito orientato al dispositivo erano significativamente ridotti nel gruppo stent a rilascio di Everolimus ( 32.4% vs 38.0%; hazard ratio, HR=0.81; P=0.013 e 13.6% vs 18.4%, HR=0.72; P=0.012, rispettivamente ), guidato principalmente dalla rivascolarizzazione della lesione target ( 5.7% vs 8.8%; P=0.018 ).

Il tasso di trombosi definita dello stent era simile in entrambi i gruppi ( 2.2% vs 2.5%; P=0.590 ).

Non sono state riscontrate differenze tra i gruppi in termini di rivascolarizzazione della lesione target ( 1.4% vs 1.3%; P=0.963 ) e trombosi dello stent definita o probabile ( 0.6% vs 0.4%; P=0.703 ) tra 5 e 10 anni.

Al follow-up a 10 anni, lo stent medicato ha dimostrato una superiorità confermata negli endpoint compositi combinati orientati al paziente e al dispositivo rispetto agli stent in metallo nudo nei pazienti con infarto STEMI che richiedono un intervento coronarico percutaneo primario.
Tra i 5 e i 10 anni di follow-up, in entrambi i gruppi è stata riscontrata una bassa incidenza di eventi cardiovascolari avversi correlati al fallimento del dispositivo. ( Xagena2021 )

Brugaletta S et al, J Am Coll Cardiol 2021; 77: 1165-1178

Cardio2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Non sono chiari gli esiti a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo...


Gli stent a rilascio di farmaco di nuova generazione con struttura metallica ultrasottile con polimero biodegradabile potrebbero facilitare la guarigione...


MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma...


Il follow-up a lungo termine dopo una sperimentazione clinica di 2 stent medicati di nuova generazione utilizzati maggiormente in una...


Lo sviluppo di stent coronarici a rilascio di farmaco ha incluso l'uso di nuove leghe metalliche, cambiamenti nell'architettura dello stent...


Recenti evidenze suggeriscono che gli scaffold vascolari bioriassorbibili ( BVS ) siano associati a un eccesso di complicanze trombotiche rispetto...


La sicurezza e l’efficacia a lungo termine degli stent a eluizione di Everolimus ( EES ) rispetto agli stent a...


I dati sulla sicurezza e sull’efficacia degli stent a rilascio di farmaco di nuova generazione con follow-up a lungo termine,...


Gli stent coronarici bioassorbibili potrebbero migliorare gli esiti dei pazienti trattati con intervento coronarico percutaneo ( PCI ). Lo scaffold...