Scaffold vascolari bioriassorbibili a rilascio di Everolimus versus stent metallici a rilascio di Everolimus


Gli stent coronarici bioassorbibili potrebbero migliorare gli esiti dei pazienti trattati con intervento coronarico percutaneo ( PCI ).
Lo scaffold vascolare bioassorbibile a rilascio di Everolimus ( Absorb BVS ) è il più studiato di questi stent; tuttavia, le sue prestazioni rispetto agli stent metallici a rilascio di Everolimus rimangono scarsamente definite.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza degli scaffold vascolari bioriassorbibili a rilascio di Everolimus rispetto agli stent metallici a rilascio di Everolimus in pazienti con cardiopatia ischemica sottoposti a rivascolarizzazione percutanea.

Sono stati analizzati gli studi randomizzati che hanno valutato gli scaffold vascolari riassorbibili a rilascio di Everolimus verso gli stent metallici a rilascio di Everolimus tra il 2006 e il 2015.

L'esito primario di efficacia era la rivascolarizzazione della lesione target e l'esito primario di sicurezza era la trombosi dello stent ( scaffold ), definita o probabile.
Gli esiti secondari erano il fallimento della lesione target ( composito di morte cardiaca, infarto miocardico del vaso bersaglio o rivascolarizzazione guidata dall’ischemia della lesione target ), infarto del miocardio, mortalità e perdita tardiva del lume in-device.

Sono stati inclusi 6 studi, che comprendevano i dati di 3.738 pazienti randomizzati a ricevere un intervento coronarico percutaneo o uno scaffold vascolare bioriassorbibile a rilascio di Everolimus ( n=2.337 ) o uno stent metallico a rilascio di Everolimus ( n=1.401 ).

Il follow-up mediano è stato di 12 mesi.

I pazienti trattati con scaffold vascolari riassorbibili avevano un rischio di rivascolarizzazione della lesione target ( odds ratio, OR=0.97; P=0.87 ), fallimento della lesione ( OR=1.20; P=0.21 ), infarto del miocardio ( OR=1.36; P=0.06 ) e mortalità ( OR=0.95; P=0.89 ) simile a quello dei pazienti trattati con stent metallici.

I pazienti trattati con uno scaffold vascolare bioriassorbibile avevano un più alto rischio di trombosi dello stent, definita o probabile, rispetto a quelli trattati con uno stent metallico ( OR=1.99; P=0.05 ), con il rischio più alto tra 1 e 30 giorni dopo l'impianto ( OR=3.11; P=0.02 ).

Le lesioni trattate con uno scaffold vascolare bioriassorbibile avevano una maggiore perdita tardiva del lume in-device rispetto a quelli trattati con uno stent metallico ( differenza media ponderata 0.08; P minore di 0.0001 ).

Rispetto agli stent metallici a rilascio di Everolimus, gli scaffold vascolari bioassorbibili a eluizione di Everolimus avevano tassi simili di rivascolarizzazioni ripetute a 1 anno di follow-up, nonostante inferiori prestazioni angiografiche a medio termine.
Tuttavia, i pazienti trattati con uno scaffold vascolare bioriassorbibile hanno presentato un aumentato rischio di trombosi subacuta dello stent.

Sono necessari studi con follow-up esteso in un maggiore numero di pazienti per valutare appieno i vantaggi a lungo termine degli scaffold vascolari bioassorbibili a eluizione di Everolimus. ( Xagena2016 )

Cassese S et al, Lancet 2016; 387: 537-544

Cardio2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

Non sono chiari gli esiti a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo...


Gli stent a rilascio di farmaco di nuova generazione con struttura metallica ultrasottile con polimero biodegradabile potrebbero facilitare la guarigione...


MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma...


Il follow-up a lungo termine dopo una sperimentazione clinica di 2 stent medicati di nuova generazione utilizzati maggiormente in una...


Lo sviluppo di stent coronarici a rilascio di farmaco ha incluso l'uso di nuove leghe metalliche, cambiamenti nell'architettura dello stent...


Recenti evidenze suggeriscono che gli scaffold vascolari bioriassorbibili ( BVS ) siano associati a un eccesso di complicanze trombotiche rispetto...


La sicurezza e l’efficacia a lungo termine degli stent a eluizione di Everolimus ( EES ) rispetto agli stent a...


I dati sulla sicurezza e sull’efficacia degli stent a rilascio di farmaco di nuova generazione con follow-up a lungo termine,...


I pazienti con malattia ostruttiva della arteria coronarica sinistra principale sono di solito trattati con bypass coronarico ( CABG )....