Incidenza e fattori associati all'acne tra i pazienti transgender che ricevono la terapia con ormoni mascolinizzanti


L'acne è una condizione comune tra i pazienti transgender che ricevono la terapia ormonale mascolinizzante ( MHT ), ma il rischio incidente e i predittori di sviluppo dell'acne in questa popolazione non erano ancora stati studiati su larga scala.

Sono stati valutati il rischio di acne in un'ampia popolazione di pazienti transgender che ricevono terapia ormonale mascolinizzante e i fattori di rischio clinici per la diagnosi di acne in uno studio di coorte retrospettivo che ha incluso 988 pazienti che hanno iniziato la terapia ormonale mascolinizzante tra il 2014 e il 2017, con almeno 1 anno di follow-up.

I dati sono stati ottenuti utilizzando le cartelle cliniche di un Centro sanitario per la comunità delle minoranze sessuali e di genere.
La popolazione ha incluso tutti i pazienti che avevano iniziato a ricevere terapia ormonale mascolinizzante durante il periodo di studio, che avevano 18 anni o più al momento dell'inizio della terapia, e il cui sesso assegnato alla nascita era di sesso femminile.

L’esito principale era l'acne definita da ICD-10-CM ( International Statistical Classification of Diseases, Tenth Revision, Clinical Modification ) per l'acne.
Sono state calcolate la prevalenza complessiva e le proporzioni di incidenza nell'arco di 2 anni dopo l'inizio della terapia ormonale mascolinizzante.
Le caratteristiche demografiche e cliniche di base sono state raccolte al momento dell'inizio della terapia ormonale.

Per 988 pazienti ( età mediana, 25.8 anni ) c'è stata una prevalenza complessiva di acne del 31.1% ( n=307 ).
La proporzione di incidenza dell'acne post-terapia ormonale a 1 anno è stata del 19.0% e la proporzione di incidenza a 2 anni è stata del 25.1%.

Un'età più giovane all'inizio della terapia ormonale mascolinizzante è stata associata a una maggiore probabilità di sviluppare acne, con una mediana di 22.4 anni tra i pazienti che hanno sviluppato acne versus 24.7 anni tra i pazienti che non hanno sviluppato acne ( P=0.002 ).

L'acne è una condizione comune tra i pazienti transgender in trattamento con la terapia ormonale mascolinizzante, con una prevalenza che aumenta dal 6.3% al 31.1% dopo l'inizio della terapia ormonale.
I pazienti di età compresa tra 18 e 21 anni sembrano essere i più propensi a sviluppare l'acne dopo l'inizio della terapia ormonale mascolinizzante. ( Xagena2021 )

Thoreson N et al, JAMA Dermatol 2021;157: 290-295

Dermo2021 Med2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La lozione di Tazarotene 0.045% è risultata associata a una significativa riduzione della lesione con un profilo favorevole di eventi...


In tre studi clinici di fase 3, Trifarotene 50 µg/g crema ha dimostrato efficacia e sicurezza nel trattamento dell'acne sia...


La valutazione strumentale ha dimostrato rapidi cambiamenti infiammatori della cute associati agli inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico...


La strategia di dosaggio ottimale a lungo termine per Adalimumab ( Humira ) nell'idrosadenite suppurativa / acne inversa è stata...


FMX101 4% è una schiuma topica a base di Minociclina per il trattamento dell'acne da moderata a grave. Sono state...


Dato l'uso diffuso di antibiotici sistemici per il trattamento dell'acne da moderata a grave, è importante capire le associazioni di...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato che i farmaci contenenti la combinazione di Dienogest 2 mg ed Etinilestradiolo...


Mancano evidenze robuste dell'associazione tra insulino-resistenza e sindrome metabolica con l'acne nei pazienti di sesso maschile. È stata valutata la prevalenza...


Epiduo Forte ( Adapalene e Perossido di benzoile ) Gel, 0.3% / 2.5% è stato approvato dalla FDA ( Food...