L'infarto cerebrale silente è un fattore di rischio per la recidiva di infarto negli adulti con anemia falciforme


A causa dell'elevata prevalenza di infarti cerebrali silenti ( SCI ) negli adulti con anemia falciforme ( SCA ) e mancanza di informazioni per guidare le strategie di trattamento, è stato valutato il rischio di infarto cerebrale silente ricorrente e ictus palese negli adulti con anemia falciforme con preesistente infarto cerebrale silente.

Uno studio osservazionale ha incluso adulti con anemia falciforme ( HbSS o S-beta 0 talassemia ) di età compresa tra 18 e 40 anni.
I partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica cerebrale con 3 tesla e a un esame neurologico dettagliato.

L'analisi time-to-event ha valutato i pazienti con o senza infarto cerebrale silente al basale e con infarti nuovi o progressivi.
È stato studiato il tasso di incidenza di nuovi eventi e l'associazione di infarto cerebrale silente con la progressione dell'infarto.

Tra gli adulti con anemia falciforme con 2 risonanze magnetiche per immagini ( MRI ) e almeno 6 mesi tra le risonanze magnetiche ( n=54, intervallo medio=2.5 anni ), il 43% presentava infarto cerebrale silente al basale.

Tra i partecipanti con infarto cerebrale silente al basale, il 30% presentava infarti cerebrali silenti nuovi o progressivi nell’arco di 2.5 anni rispetto al 6% senza infarto cerebrale silente al basale; nessun partecipante ha presentato un ictus manifesto.

Nuovi infarti cerebrali silenti al follow-up erano presenti in 12.9 per 100 anni-paziente con infarto cerebrale silente esistente rispetto a 2.4 per 100 anni-paziente senza infarto cerebrale silente precedente ( log-rank test, P=0.021 ).

Non sono state osservate differenze statisticamente significative tra i soggetti con o senza infarto cerebrale silente al basale nell’uso della terapia con Idrossiurea, dosi di Idrossiurea o altri fattori di rischio di ictus.

La presenza di infarto cerebrale silente è risultata associata a un aumentato rischio di infarto nuovo o progressivo ( hazard ratio, HR=5.27, P=0.039 ).

Gli infarti silenti negli adulti con anemia falciforme sono comuni e rappresentano un fattore di rischio significativo per futuri infarti silenti. ( Xagena2018 )

Jordan LC et al, Neurology 2018; 91: e781-e784

Neuro2018 Emo2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

L'eccessivo rilascio intravascolare di contenuto cellulare lisato dai globuli rossi danneggiati ( RBC ) nei pazienti con anemia falciforme può...


Per decenni, i pazienti con anemia falciforme hanno avuto a disposizione solo un numero limitato di terapie. Nel 2019, Voxelotor...


Lo studio di fase 1 / fase 2 HGB-206 ha mostrato che la terapia genica LentiGlobin ha portato a sostanziali...


Le opzioni terapeutiche per prevenire le crisi vaso-occlusive ( VOC ) tra i pazienti con anemia falciforme ( SCD )...


L'Idrossiurea ( Onco Carbide ) è un trattamento efficace per l'anemia falciforme, ma pochi studi sono stati condotti nell'Africa sub-sahariana,...


Nel corso del 61° Congresso annuale della American Society of Hematology ( ASH ), Orlando ( Florida ), sono stati...


La terapia trasfusionale cronica previene l'ictus nei pazienti selezionati con anemia falciforme. È stato dimostrato che la terapia trasfusionale cronica...


La FDA (U.S. Food and Drug Administration) ha concesso l'approvazione accelerata a Oxbryta ( Voxelotor ) per il trattamento della...


Il trattamento antipiastrinico è un potenziale approccio terapeutico per l'anemia falciforme ( SCD ). Ticagrelor ( Brilique ) inibisce l'aggregazione...