Nuovo trattamento per l'anemia falciforme: Oxbryta approvato dalla FDA


La FDA (U.S. Food and Drug Administration) ha concesso l'approvazione accelerata a Oxbryta ( Voxelotor ) per il trattamento della anemia falciforme negli adulti e nei pazienti pediatrici di età pari o superiore a 12 anni.

L'anemia a cellule falciformi è una malattia ereditaria del sangue in cui i globuli rossi hanno una forma anomala, che limita il flusso nei vasi sanguigni e limita il rilascio di ossigeno ai tessuti, causando dolori di forte entità e danni agli organi.
Questa patologia è anche caratterizzata da una infiammazione grave e cronica che peggiora le crisi vaso-occlusive durante le quali i pazienti sperimentano episodi di dolore estremo e danni agli organi.
100.000 persone negli Stati Uniti e oltre 20 milioni in tutto il mondo vivono con questa malattia del sangue.

Oxbryta è un inibitore della polimerizzazione dell'emoglobina falciforme deossigenata, che è l'anomalia centrale nella anemia falciforme.
Con Oxbryta, le cellule falciformi hanno meno probabilità di legarsi tra loro e di assumere la forma falciforme, che può causare bassi livelli di emoglobina a causa della distruzione dei globuli rossi.

L'approvazione di Oxbryta si è basata sui risultati di una sperimentazione clinica con 274 pazienti affetti da anemia falciforme.

Nello studio, 90 pazienti hanno ricevuto 1500 mg di Oxbryta, 92 pazienti hanno ricevuto 900 mg di Oxbryta e 92 pazienti hanno ricevuto un placebo.
L'efficacia consisteva in un aumento del tasso di risposta all'emoglobina nei pazienti che avevano ricevuto 1500 mg di Oxbryta, che è stata del 51.1% per questi pazienti rispetto al 6.5% nel gruppo placebo.

I più comuni effetti indesiderati riscontrati nei pazienti trattati con Oxbryta sono stati: cefalea, diarrea, dolore addominale, nausea, affaticamento, rash e piressia.

Oxbryta ha ottenuto l'approvazione accelerata, che consente alla FDA di approvare farmaci per condizioni gravi in grado di soddisfare una esigenza medica insoddisfatta sulla base di un risultato che è ragionevolmente probabile che preveda un beneficio clinico per i pazienti.
Oxbryta ha anche ricevuto la designazione di farmaco orfano. ( Xagena2019 )

Fonte: FDA, 2019

Emo2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

L'eccessivo rilascio intravascolare di contenuto cellulare lisato dai globuli rossi danneggiati ( RBC ) nei pazienti con anemia falciforme può...


Per decenni, i pazienti con anemia falciforme hanno avuto a disposizione solo un numero limitato di terapie. Nel 2019, Voxelotor...


Lo studio di fase 1 / fase 2 HGB-206 ha mostrato che la terapia genica LentiGlobin ha portato a sostanziali...


Le opzioni terapeutiche per prevenire le crisi vaso-occlusive ( VOC ) tra i pazienti con anemia falciforme ( SCD )...


L'Idrossiurea ( Onco Carbide ) è un trattamento efficace per l'anemia falciforme, ma pochi studi sono stati condotti nell'Africa sub-sahariana,...


Nel corso del 61° Congresso annuale della American Society of Hematology ( ASH ), Orlando ( Florida ), sono stati...


La terapia trasfusionale cronica previene l'ictus nei pazienti selezionati con anemia falciforme. È stato dimostrato che la terapia trasfusionale cronica...


Il trattamento antipiastrinico è un potenziale approccio terapeutico per l'anemia falciforme ( SCD ). Ticagrelor ( Brilique ) inibisce l'aggregazione...


A causa dell'elevata prevalenza di infarti cerebrali silenti ( SCI ) negli adulti con anemia falciforme ( SCA ) e...