Efficacia e sicurezza di un concentrato del complesso protrombinico a 4 fattori in pazienti con sanguinamento maggiore trattati con antagonisti della vitamina K


I pazienti che manifestano sanguinamento maggiore durante il trattamento con antagonisti della vitamina K richiedono una rapida inversione degli antagonisti della vitamina K.

È stato effettuato uno studio clinico prospettico per confrontare il concentrato del complesso della protrombina a 4 fattori ( 4F-PCC ) non-attivato con il plasma per reversione urgente degli antagonisti della vitamina K.

In questo studio di non-inferiorità di fase IIIb, multicentrico, in aperto, i pazienti non-chirurgici sono stati randomizzati a ricevere 4F-PCC ( contenente i fattori della coagulazione II, VII, IX e X e le proteine C e S ) oppure plasma.

Si è cercato di capire se 4F-PCC è non-inferiore rispetto al plasma per gli endpoint co-primari di efficacia emostatica a 24 ore dall'inizio della infusione e la correzione del rapporto internazionale normalizzato ( INR; minore o uguale a 1.3 ) a 0.5 ore dopo la fine della infusione.

La popolazione comprendeva 202 pazienti ( 4F-PCC, n=98; plasma, n=104 ).

Il rapporto internazionale normalizzato medio al basale era 3.90 per il gruppo 4F-PCC e 3.60 per il gruppo plasma.

Emostasi efficace è stata ottenuta nel 72.4% dei pazienti trattati con 4F-PCC contro il 65.4% che ha ricevuto plasma, dimostrando la non-inferiorità ( differenza, 7.1% ).

Una rapida riduzione del rapporto normalizzato internazionale è stata raggiunta nel 62.2% dei pazienti trattati con 4F-PCC contro il 9.6% dei pazienti trattati con plasma, dimostrando la superiorità di 4F-PCC ( differenza, 52.6% ).

I fattori della coagulazione valutati sono risultati più alti nel gruppo 4F-PCC, rispetto al gruppo plasma, da 0.5 a 3 ore dopo l'inizio della infusione ( P minore di 0.02 ).

Il profilo di sicurezza ( eventi avversi, eventi avversi gravi, eventi tromboembolici e decessi ) è stato simile tra i gruppi; 66 pazienti su 103 ( gruppo 4F-PCC ) e 71 su 109 ( gruppo plasma ) hanno avuto uno o più eventi avversi.

In conclusione, 4F-PCC è una valida alternativa ai plasma per la reversione urgente della terapia con un antagonista in eventi emorragici maggiori, come dimostrato da valutazioni cliniche di sanguinamento e dalle misure di laboratorio dell’INR e dei livelli del fattore. ( Xagena2013 )

Sarode R et al, Circulation 2013; 128: 1234-1243

Emo2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...


La trombectomia meccanica ( MT ) è uno dei principali trattamenti per l'ictus ischemico acuto nei pazienti in terapia anticoagulante...


L'anticoagulazione cronica è raccomandata nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica e fibrillazione atriale. Gli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti della...


È stata valutata la sicurezza di Edoxaban ( Lixiana ) in combinazione con l'inibizione P2Y12 in pazienti con fibrillazione atriale...


Lo scopo dello studio è stato quello di confrontare l'efficacia e la sicurezza degli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti...


Sebbene gli antagonisti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) siano sempre più utilizzati per prevenire la malattia tromboembolica,...


Rivaroxaban ( Xarelto ) ha un profilo rischio-beneficio migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) nei pazienti...


Le attuali linee guida raccomandano anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) come terapia di prima scelta nei pazienti...


L’espansione dell’ematoma è una delle principali cause di mortalità nella emorragia intracranica relativa ad antagonisti della vitamina K ( AVK-ICH...