Pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale cronica: anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K versus antagonisti della vitamina K


Lo scopo dello studio è stato quello di confrontare l'efficacia e la sicurezza degli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti della vitamina K rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) nei pazienti con fibrillazione atriale ( FA ) con malattia renale cronica ( CKD ) che non erano sottoposti a dialisi.

Sono stati analizzati i dati dei registri amministrativi danesi. I ricercatori hanno identificato tutti i cittadini con una diagnosi preventiva di fibrillazione atriale e malattia renale cronica che hanno iniziato trattamenti con NOAC o VKA ( 2011-2017 ).
È stata eseguita un'analisi esterna di 727 pazienti con fibrillazione atriale e con malattia renale cronica ( senza dialisi ) per dimostrare il livello di funzionalità renale in una popolazione comparabile.

I risultati dello studio includevano episodi di ictus / tromboembolia, sanguinamenti maggiori, infarto del miocardio e mortalità per qualsiasi causa.

Dei 1560 pazienti presi in considerazione, 1008 ( 64.6% ) avevano iniziato ad assumere antagonisti della vitamina K e 552 ( 35.4% ) antagonisti NOAC.

In una popolazione comparabile, è stato scoperto che il 95.3% dei pazienti aveva una velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) inferiore a 59 ml/min.

I pazienti trattati con anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K avevano un rischio significativamente ridotto di sanguinamento maggiore ( hazard ratio, HR = 0,47, intervallo di confidenza al 95% ( IC ): 0.26-0.84 ) rispetto agli antagonisti della vitamina K.

Non è stata trovata una associazione significativa tra il tipo di anticoagulante e il rischio di ictus / tromboembolia ( HR = 0.83, IC 95%: 0.39-1.78 ), infarto miocardico ( HR = 0.45, IC 95%: 0.18-1.11 ), o mortalitàper qualsiasi causa ( HR = 0.99, IC 95%: 0.77-1.26 ).

In conclusione, l'anticoagulante orale antagonista non-vitaminico K era associato a un minor rischio di sanguinamento maggiore nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale cronica rispetto agli antagonisti della vitamina K.
Nessuna differenza è stata trovata nel rischio di ictus / tromboembolia, infarto del miocardio e mortalità per qualsiasi causa. ( Xagena2019 )

Laugesen EK et al, Thromb J 2019; 17: 21. doi: 10.1186 / s12959-019-0211-y. eCollection 2019

Cardio2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...


La trombectomia meccanica ( MT ) è uno dei principali trattamenti per l'ictus ischemico acuto nei pazienti in terapia anticoagulante...


L'anticoagulazione cronica è raccomandata nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica e fibrillazione atriale. Gli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti della...


È stata valutata la sicurezza di Edoxaban ( Lixiana ) in combinazione con l'inibizione P2Y12 in pazienti con fibrillazione atriale...


Sebbene gli antagonisti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) siano sempre più utilizzati per prevenire la malattia tromboembolica,...


Rivaroxaban ( Xarelto ) ha un profilo rischio-beneficio migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) nei pazienti...


Le attuali linee guida raccomandano anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) come terapia di prima scelta nei pazienti...


L’espansione dell’ematoma è una delle principali cause di mortalità nella emorragia intracranica relativa ad antagonisti della vitamina K ( AVK-ICH...