Regime antitrombotico a base di Edoxaban versus antagonisti della vitamina K dopo stenting coronarico riuscito in pazienti con fibrillazione atriale: studio ENTRUST-AF PCI


È stata valutata la sicurezza di Edoxaban ( Lixiana ) in combinazione con l'inibizione P2Y12 in pazienti con fibrillazione atriale che hanno subito un intervento coronarico percutaneo ( PCI ).

ENTRUST-AF PCI era uno studio randomizzato, multicentrico, in aperto, di non-inferiorità di fase 3b condotto in 186 siti in 18 Paesi.
I pazienti soffrivano di fibrillazione atriale che richiedeva anticoagulanti orali, avevano un'età di almeno 18 anni e avevano subito una procedura PCI di successo per malattia coronarica stabile o sindrome coronarica acuta.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale da 4 ore a 5 giorni dopo PCI a Edoxaban 60 mg una volta al giorno più un inibitore P2Y12 per 12 mesi o a un antagonista della vitamina K ( VKA ) in combinazione con un inibitore P2Y12 e Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) 100 mg una volta al giorno, per 1-12 mesi.

La dose di Edoxaban è stata ridotta a 30 mg al giorno se erano presenti uno o più fattori ( clearance della creatinina 15-50 ml/min, peso corporeo minore o uguale a 60 kg o uso concomitante di potenti inibitori della glicoproteina P ).

L'endpoint primario era un composito di sanguinamento maggiore o non-maggiore clinicamente rilevante ( CRNM ) entro 12 mesi.
L'analisi primaria è stata condotta nella popolazione intention-to-treat e la sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco assegnato.

Dal 2017 al 2018, 1.506 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al regime di Edoxaban ( n=751 ) o al regime antagonista VKA ( n=755 ).

Il tempo mediano da procedura PCI alla randomizzazione è stata di 45.1 ore.

Eventi emorragici maggiori o CRNM si sono verificati in 128 pazienti su 751 ( 17% ) ( tasso di eventi annualizzato 20.7% ) con il regime Edoxaban e 152 su 755 pazienti ( 20% ) ( tasso di eventi annualizzato 25.6% ) con il regime antagonista VKA ( hazard ratio, HR=0.83, P=0.0010 per non-inferiorità, hazard ratio margine 1.20; P=0.1154 per superiorità ).

Nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a procedura PCI, il regime a base di Edoxaban è risultato non-inferiore per sanguinamento rispetto al regime a base di antagonista della vitamina K, senza differenze significative negli eventi ischemici. ( Xagena2019 )

Vranckx P et al, Lancet 2019; 394: 1335-1343

Cardio2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...


La trombectomia meccanica ( MT ) è uno dei principali trattamenti per l'ictus ischemico acuto nei pazienti in terapia anticoagulante...


L'anticoagulazione cronica è raccomandata nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica e fibrillazione atriale. Gli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti della...


Lo scopo dello studio è stato quello di confrontare l'efficacia e la sicurezza degli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti...


Sebbene gli antagonisti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) siano sempre più utilizzati per prevenire la malattia tromboembolica,...


Rivaroxaban ( Xarelto ) ha un profilo rischio-beneficio migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) nei pazienti...


Le attuali linee guida raccomandano anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) come terapia di prima scelta nei pazienti...


L’espansione dell’ematoma è una delle principali cause di mortalità nella emorragia intracranica relativa ad antagonisti della vitamina K ( AVK-ICH...