Trombectomia meccanica nei pazienti anticoagulati: anticoagulanti orali diretti versus antagonisti della vitamina K


La trombectomia meccanica ( MT ) è uno dei principali trattamenti per l'ictus ischemico acuto nei pazienti in terapia anticoagulante efficace.
L'uso di anticoagulanti orali diretti ( DOA ) è aumentato, dato il loro profilo di efficacia e sicurezza rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ).

Sono stati confrontati gli esiti procedurali e clinici della trombectomia meccanica nei pazienti in trattamento con anticoagulanti DOA e antagonisti VKA prima dell'insorgenza dell'ictus.
Sono stati analizzati 2 gruppi dal Registro prospettico Endovascular Treatment in Ischemic Stroke: pazienti con anticoagulanti orali diretti e pazienti con antagonisti della vitamina K trattati con trombectomia meccanica senza trombolisi.

Sono stati impiegati modelli misti lineari generalizzati, compreso il centro come effetto casuale, per confrontare esiti angiografici (tassi di riperfusione alla fine della procedura, numero di passaggi superiore a 2, complicanze procedurali) e clinici (esito favorevole ed eccellente, mortalità per tutte le cause a 90 giorni e complicanze emorragiche) in base a sottogruppi di anticoagulanti. I confronti sono stati aggiustati per fattori di confondimento prespecificati ( età, punteggio alla scala NIHSS [ NIH Stroke Scale ] all’ammissione ) e per differenze significative tra i gruppi al basale.

Tra i 221 pazienti inclusi, più pazienti trattati con anticoagulanti orali diretti ( n=115, 52% ) hanno ottenuto una trombolisi completa ( punteggio modificato Thrombolysis in Cerebral Infarction, mTICI 2b/3 ) o quasi completa ( mTICI 2c/3 ) alla fine della procedura rispetto ai pazienti trattati con antagonisti della vitamina K, con un odds ratio aggiustato ( OR ) per anticoagulanti DOA versus antagonisti VKA di 3.27 e 2.00, rispettivamente.

I pazienti trattati con anticolagulanti orali diretti hanno avuto un rischio di mortalità a 90 giorni inferiore con un odds ratio aggiustato di 0.47 e un migliore odds ratio di esito eccellente di 2.40.
Non ci sono state differenze significative tra i gruppi nelle complicanze emorragiche o procedurali.

Lo studio ha evidenziato i vantaggi degli anticoagulanti orali diretti rispetto ad antagonisti della vitamina K.
Per quanto riguarda la mortalità, gli esiti eccellenti e il tasso di ricanalizzazione, gli anticoagulanti orali diretti sembra fornire un ambiente favorevole per la trombectomia meccanica nell’ictus ischemico acuto. ( Xagena2020 )

L’Allinec V et al, Neurology 2020; 94: 842-850

Neuro2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...


L'anticoagulazione cronica è raccomandata nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica e fibrillazione atriale. Gli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti della...


È stata valutata la sicurezza di Edoxaban ( Lixiana ) in combinazione con l'inibizione P2Y12 in pazienti con fibrillazione atriale...


Lo scopo dello studio è stato quello di confrontare l'efficacia e la sicurezza degli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti...


Sebbene gli antagonisti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) siano sempre più utilizzati per prevenire la malattia tromboembolica,...


Rivaroxaban ( Xarelto ) ha un profilo rischio-beneficio migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) nei pazienti...


Le attuali linee guida raccomandano anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) come terapia di prima scelta nei pazienti...


L’espansione dell’ematoma è una delle principali cause di mortalità nella emorragia intracranica relativa ad antagonisti della vitamina K ( AVK-ICH...