Eparina a basso peso molecolare per prevenire le complicanze ricorrenti della gravidanza mediate dalla placenta


Ci si è chiesti se in una donna di 35 anni con gravi complicanze ricorrenti della gravidanza mediate dalla placenta nelle sue due gravidanze, l’Eparina a basso peso molecolare potesse essere di aiuto nel prevenire le recidive di complicanze della gravidanza mediate dalla placenta in una prossima gravidanza.

È stata eseguita una meta-analisi di studi randomizzati e controllati che hanno confrontato l’uso di Eparina a basso peso molecolare ( LMWH ) versus nessun uso di Eparina a basso peso molecolare per la prevenzione delle recidive di complicanze della gravidanza placenta-mediate.

Sono stati identificati 6 studi randomizzati e controllati che hanno incluso in totale 848 donne incinte con precedenti complicanze della gravidanza mediate dalla placenta.

L'esito primario era un composito di pre-eclampsia, nascita di un neonato piccolo per l’età gestazionale ( inferiore al 10° percentile ), distacco di placenta, o perdita della gravidanza a più di 20 settimane.

Complessivamente, 67 donne su 358 ( 18.7% ) a cui è stata data come profilassi Eparina a basso peso molecolare sono andate incontro a ricorrenti gravi complicanze della gravidanza placenta-mediate rispetto a 127 donne su 296 ( 42.9% ) che non hanno assunto Eparina a basso peso molecolare ( riduzione del rischio relativo, RR=0.52; P=0.01; I2, 69%, indicando moderata eterogeneità ).

Sono state identificate analoghe riduzioni del rischio relativo con Eparina a basso peso molecolare per gli esiti individuali, compreso qualsiasi episodio di pre-eclampsia, pre-eclampsia grave, neonato piccolo per età gestazionale inferiore al 10° percentile, neonato piccolo per età gestazionale inferiore al 5° percentile, parto pretermine sotto le 37 settimane e parto pretermine sotto le 34 settimane con eterogeneità minima.

L’Eparina a basso peso molecolare può essere una terapia promettente per le ricorrenti, particolarmente gravi complicanze della gravidanza placenta-mediate, ma sono necessarie ulteriori ricerche. ( Xagena2014 )

Rodger MA et al, Blood 2014; 123: 822-828

Gyne2014 Emo2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Da una nuova analisi è emerso che gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ), lo standard di cura per il...


Il tromboembolismo venoso ( VTE ) è comune nei pazienti affetti da cancro. Le evidenze hanno suggerito che l’Eparina a...


L’immobilizzazione della gamba è associata a tromboembolismo venoso ( VTE ). L’Eparina a basso peso molecolare ( LMWH ) rappresenta...


Negli ultimi anni, gli warning di sicurezza hanno avvertito del rischio di gravi danni epatici farmaco-indotti, causati dai farmaci cardiovascolari....


Benché la tromboprofilassi riduca il rischio di incidenza di tromboembolismo venoso nei pazienti con malattia acuta in ambito medico, non...


L’attuale terapia anticoagulante è dominata dall’Eparina a basso peso molecolare e dagli antagonisti per os della Vitamina K, che inibiscono...


Nonostante i suoi limiti, l’Eparina non-frazionata viene raccomandata come anticoagulante durante gli interventi coronarici per cutanei ( PCI ).Pochi studi...


Il trattamento con l’Eparina non-frazionata nella tromboembolia venosa acuta, avviene mediante infusione endovenosa con monitoraggio della coagulazione, e richiede l’ospedalizzazione....


L’Eparina a basso peso molecolare ha semplificato ampiamente il trattamento delle trombosi venose profonde.Per i pazienti affetti da embolia polmonare,...