Eparina non-frazionata a dosaggio fisso per via sottocutanea efficace e sicura come la Eparina a basso peso molecolare


Il trattamento con l’Eparina non-frazionata nella tromboembolia venosa acuta, avviene mediante infusione endovenosa con monitoraggio della coagulazione, e richiede l’ospedalizzazione.

L’obiettivo dello studio FIDO ( Fixed-Dose Heparin ) è stato quello di valutare se l’Eparina non frazionata , sottocutanea ad un dosaggio fisso, fosse adatta per il trattamento della tromboembolia venosa anche nei pazienti non ospedalizzati.

Lo studio di non inferiorità ha interessato 708 pazienti di età uguale o superiore ai 18 anni, con tromboembolia venosa acuta ed è stato condotto in Canada ed in Nuova Zelanda tra la fine del 1998 e l’inizio del 2004.

Undici pazienti sono stati esclusi dall’analisi di efficacia ed 8 dall’analisi di sicurezza.

L’Eparina non frazionata è stata somministrata per via sottocutanea al dosaggio iniziale di 333U/kg, seguita da un dosaggio fisso di 250U/kg ogni 12 ore ( n = 365 ).
L’Eparina a basso peso molecolare, Dalteparina ( Fragmin ) o Enoxaparina ( Lovenox / Clexane ) è stata somministrata per via sottocutanea ad un dosaggio di 100UI/lg ogni 12 ore ( n = 352 ).
Entrambi i trattamenti potevano essere somministrati al di fuori dell’ambiente ospedaliero.
Per 3 mesi, i pazienti hanno assunto anche Warfarin.

Episodi di recidiva di tromboembolia venosa si sono presentati nel 3.8% dei pazienti ( n = 13 ) del gruppo Eparina non frazionata, contro il 3.4% ( n = 12 ) dei pazienti del gruppo Eparina a basso peso molecolare ( differenza assoluta: 0.4% ).

Il sanguinamento nei primi 10 giorni di trattamento si è presentato nell’1.1% ( n = 4 ) dei pazienti del gruppo Eparina non frazionata contro l’1.4% ( n = 5 ) dei pazienti del gruppo Eparina a basso peso molecolare ( differenza assoluta: -0.3% ).

Il trattamento è stato somministrato interamente al di fuori dell’ospedale nel 72% dei pazienti del gruppo Eparina non frazionata e nel 68% dei pazienti del gruppo Eparina a basso peso molecolare.

I dati dello studio hanno indicato che l’Eparina non frazionata per via sottocutanea a dosaggio fisso è efficace e sicura come l’Eparina a basso peso molecolare, nei pazienti con tromboembolia venosa.( Xagena2006 )

Kearon C et al, JAMA 2006; 296: 935-942


Cardio2006 Farma2006




Indietro

Altri articoli

Da una nuova analisi è emerso che gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ), lo standard di cura per il...


Il tromboembolismo venoso ( VTE ) è comune nei pazienti affetti da cancro. Le evidenze hanno suggerito che l’Eparina a...


L’immobilizzazione della gamba è associata a tromboembolismo venoso ( VTE ). L’Eparina a basso peso molecolare ( LMWH ) rappresenta...


Negli ultimi anni, gli warning di sicurezza hanno avvertito del rischio di gravi danni epatici farmaco-indotti, causati dai farmaci cardiovascolari....


Ci si è chiesti se in una donna di 35 anni con gravi complicanze ricorrenti della gravidanza mediate dalla placenta...


Benché la tromboprofilassi riduca il rischio di incidenza di tromboembolismo venoso nei pazienti con malattia acuta in ambito medico, non...


L’attuale terapia anticoagulante è dominata dall’Eparina a basso peso molecolare e dagli antagonisti per os della Vitamina K, che inibiscono...


Nonostante i suoi limiti, l’Eparina non-frazionata viene raccomandata come anticoagulante durante gli interventi coronarici per cutanei ( PCI ).Pochi studi...


L’Eparina a basso peso molecolare ha semplificato ampiamente il trattamento delle trombosi venose profonde.Per i pazienti affetti da embolia polmonare,...