Profilassi della trombosi nei pazienti con tumore: vantaggi degli anticoagulanti orali diretti rispetto a Dalteparina, un'Eparina a basso peso molecolare


Da una nuova analisi è emerso che gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ), lo standard di cura per il trattamento del tromboembolismo venoso ( TEV ) nei pazienti non-oncologici, dovrebbero anche essere il punto di riferimento per il trattamento della trombosi associata a tumore ( CAT ), tranne nei pazienti con un alto rischio di sanguinamento.

Lo studio è una revisione sistematica con aggiornamento continuo. La revisione ha preso avvio nel settembre 2018, e attualmente ha riguardato quattro studi randomizzati e controllati per un totale di quasi 2900 pazienti.

Nell’analisi, i vari esiti ( recidiva di tromboembolismo venoso, sanguinamento maggiore e sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante ) sono stati valutati nei pazienti che assumevano uno dei tre anticoagulanti orali diretti o Dalteparina ( Fragmin ), un'Eparina a basso peso molecolare.

Gli anticoagulanti orali diretti includevano Edoxaban ( Lixiana ) 60 mg una volta al giorno, Rivaroxaban ( Xarelto ) 15 mg due volte al giorno per 3 settimane seguito da 20 mg una volta al giorno e Apixaban ( Eliquis ) 10 mg due volte al giorno per 7 giorni seguiti da 5 mg due volte al giorno.
La Dalteparina è stata somministrata alla dose di 200 UI/kg/die per 1 mese seguita da 150 UI/kg/die.

Due degli studi hanno incluso pazienti con tumore attivo più soggetti con una storia di tumore; gli altri due includevano solo pazienti con neoplasia attiva.
Quasi il 40% dei pazienti presentava trombosi venosa profonda ( TVP ) come evento tromboembolico-qualificante e oltre il 60% aveva una malattia localmente avanzata o metastatica.

Nel complesso, gli anticoagulanti orali diretti hanno ridotto significativamente gli eventi di tromboembolismo venoso ricorrenti ( odds ratio, OR=0.59 ) rispetto alla Dalteparina, senza aumentare significativamente il sanguinamento maggiore ( OR=1.34; IC 95%, 0.83-2.18 ).
82 ( 5.6% ) eventi ricorrenti di tromboembolismo venoso si sono verificati nel gruppo anticoagulanti DOAC e 132 ( 9.1% ) nel gruppo Dalteparina.
Per quanto riguarda il sanguinamento maggiore, 69 ( 4.8% ) eventi si sono verificati nel braccio anticoagulanti DOAC e 52 ( 3.6% ) nel braccio Dalteparina, ma la differenza non era statisticamente significativa.

Il rischio di eventi emorragici non-gravi ma clinicamente rilevanti è risultato significativamente più alto per coloro che ricevevano gli anticoagulanti DOAC rispetto a Dalteparina ( OR=1.69; IC 95%, 1.13-2.42 ).
L'analisi dei singoli anticoagulanti DOAC ha evidenziato che Rivaroxaban e Apixaban hanno entrambi ridotto significativamente il rischio di recidiva di tromboembolismo venoso rispetto a Dalteparina ( Rivaroxaban del 59% e Apixaban del 42% ), anche se il confronto è stato indiretto.

Edoxaban ha aumentato significativamente il rischio di sanguinamento maggiore rispetto a Dalteparina ( OR=1.73 ) e Rivaroxaban ha aumentato significativamente il rischio di sanguinamento non-maggiore ma clinicamente rilevante ( OR=4.09 ).

L'analisi di sottogruppo ha pertanto indicato che Apixaban può avere un vantaggio rispetto agli altri due anticoagulanti orali diretti.
Rispetto alla Dalteparina, Apixaban è stato l'unico anticoagulante DOAC che non ha aumentato il rischio di sanguinamento maggiore e sanguinamento non-maggiore ma clinicamente rilevante ( OR=0.66; IC 95%, 0.46-0.95 ).

Dallo studio è emerso che gli anticoagulanti orali diretti non hanno aumentato il rischio di sanguinamento gastrointestinale, ma hanno aumentato il rischio di sanguinamento genito-urinario rispetto alla Dalteparina.
Le emorragie intracraniche, il sanguinamento ad esito fatale e la mortalità sono invece risultati simili in tutti i gruppi di trattamento.
Secondo gli Autori, gli anticoagulanti diretti dovrebbero essere considerati uno standard di cura per il trattamento della trombosi associata a tumore, riservando cautela nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento. ( Xagena2022 )

Fonte: Mayo Clinic Proceedings, 2022

Emo2022 Onco2022 Cardio2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

Il tromboembolismo venoso ( VTE ) è comune nei pazienti affetti da cancro. Le evidenze hanno suggerito che l’Eparina a...


L’immobilizzazione della gamba è associata a tromboembolismo venoso ( VTE ). L’Eparina a basso peso molecolare ( LMWH ) rappresenta...


Negli ultimi anni, gli warning di sicurezza hanno avvertito del rischio di gravi danni epatici farmaco-indotti, causati dai farmaci cardiovascolari....


Ci si è chiesti se in una donna di 35 anni con gravi complicanze ricorrenti della gravidanza mediate dalla placenta...


Benché la tromboprofilassi riduca il rischio di incidenza di tromboembolismo venoso nei pazienti con malattia acuta in ambito medico, non...


L’attuale terapia anticoagulante è dominata dall’Eparina a basso peso molecolare e dagli antagonisti per os della Vitamina K, che inibiscono...


Nonostante i suoi limiti, l’Eparina non-frazionata viene raccomandata come anticoagulante durante gli interventi coronarici per cutanei ( PCI ).Pochi studi...


Il trattamento con l’Eparina non-frazionata nella tromboembolia venosa acuta, avviene mediante infusione endovenosa con monitoraggio della coagulazione, e richiede l’ospedalizzazione....


L’Eparina a basso peso molecolare ha semplificato ampiamente il trattamento delle trombosi venose profonde.Per i pazienti affetti da embolia polmonare,...