Tromboprofilassi nella chirurgia ortopedica: i nuovi anticoagulanti e l’Eparina a basso peso molecolare


L’attuale terapia anticoagulante è dominata dall’Eparina a basso peso molecolare e dagli antagonisti per os della Vitamina K, che inibiscono in modo indiretto diversi step del pathway della coagulazione.
Due bisogni non-soddisfatti per l’anticoagulazione sono rappresentati dalla sicurezza e dalla facilità d’uso degli inibitori della Vitamina K. La sicurezza si correla principalmente all’incidenza di sanguinamento maggiore, che rimane un problema chiave per i chirurghi ortopedici e per gli anestesisti.

La ricerca ha permesso di identificare delle piccole molecole che agiscono da inibitori degli enzimi di coagulazione, e rappresentano nuove terapie per i disordini trombotici.

Tra le nuovo molecole, Dabigatran etexilato ( Pradaxa ) e Rivaroxaban ( Xarelto ), che inibiscono rispettivamente i fattori IIa e Xa.

Sulla base dei dati disponibili, è possibile concludere affermando che Dabigatran etexilato non è inferiore ad Enoxaparina ( Clexane ) in termini di efficacia e sicurezza.
Per quanto riguarda Dabigatran sono stati approvati due dosaggi: 220 mg e 150 mg; la dose di 150 mg/die è destinata ai pazienti anziani e a quelli con danno renale moderato.

Rivaroxaban è superiore per efficacia all’Enoxaparina, anche al regime posologico dell’Enoxaparina approvato negli Stati Uniti ( 30 mg bid ), senza significative differenze nella sicurezza. ( Xagena2009 )

Rosencher N et al, Arch Cardiovasc Dis 2009; 102: 327-333


Cardio2009 Farma2009 Chiru2009


Indietro

Altri articoli

Da una nuova analisi è emerso che gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ), lo standard di cura per il...


Il tromboembolismo venoso ( VTE ) è comune nei pazienti affetti da cancro. Le evidenze hanno suggerito che l’Eparina a...


L’immobilizzazione della gamba è associata a tromboembolismo venoso ( VTE ). L’Eparina a basso peso molecolare ( LMWH ) rappresenta...


Negli ultimi anni, gli warning di sicurezza hanno avvertito del rischio di gravi danni epatici farmaco-indotti, causati dai farmaci cardiovascolari....


Ci si è chiesti se in una donna di 35 anni con gravi complicanze ricorrenti della gravidanza mediate dalla placenta...


Benché la tromboprofilassi riduca il rischio di incidenza di tromboembolismo venoso nei pazienti con malattia acuta in ambito medico, non...


Nonostante i suoi limiti, l’Eparina non-frazionata viene raccomandata come anticoagulante durante gli interventi coronarici per cutanei ( PCI ).Pochi studi...


Il trattamento con l’Eparina non-frazionata nella tromboembolia venosa acuta, avviene mediante infusione endovenosa con monitoraggio della coagulazione, e richiede l’ospedalizzazione....


L’Eparina a basso peso molecolare ha semplificato ampiamente il trattamento delle trombosi venose profonde.Per i pazienti affetti da embolia polmonare,...