Intervento coronarico percutaneo: l’anticoagulazione target è raggiunta più facilmente con Enoxaparina che con Eparina non-frazionata


L’obiettivo è stato quello di determinare la relazione tra livelli di anticoagulazione durante intervento coronarico percutaneo ( PCI ), ed eventi ischemici e sanguinamento.

E’ stata compiuta una sottoanalisi dello studio STEEPLE.

I livelli di anticoagulazione target, predefiniti, sono stati raggiunti nell’86% dei pazienti, trattati con Enoxaparina ( Clexane, Lovenox ), rispetto al 20% dei pazienti che hanno ricevuto l’Eparina non-frazionata. ( P
Una significativa relazione è stata osservata tra i livelli anti-Xa >0.9 UI/mL e la percentuale di sanguinamento maggiore o minore, non correlato al bypass coronarico ( odds ratio, OR = 1.6; P=0.03 ).

Non è stata riscontrata alcuna relazione significativa tra i livelli anti-Xa e l’incidenza di mortalità, infarto miocardico o rivascolarizzazione.

Il sanguinamento maggiore è aumentato in modo significativo con i valori di ACT ( tempo di coagulazione attivato ) > 325 sc ( OR= 1.6; P=0.04 ).

Una significativa relazione con l’aumento degli eventi ischemici è stata osservata quando ACT era inferiore a 325 sec ( OR=0.7; P=0.006 ), indicando una stretta finestra terapeutica.

In conclusione, i livelli di anticoagulazione target sono stati raggiunti più facilmente nei pazienti riceventi Enoxaparina.
Un livello anti-Xa fino a 0.9 UI/mL è associato ad un buon profilo di efficacia e sicurezza. ( Xagena2008 )

Montalescot G et al, Eur Heart J 2008; 29: 462-471


Cardio2008 Farma2008


Indietro

Altri articoli

Esistono prove contrastanti sulla efficacia e sicurezza di Bivalirudina ( Angiox ) somministrata come parte di un intervento coronarico percutaneo...


Bivalirudina ( Angiox, Angiomax ), con uso selettivo di agenti inibitori della glicoproteina IIb/IIIa ( GP IIb/IIIa ), è uno...


Nei pazienti con infarto miocardico acuto ( IMA ) sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ), il trattamento con...


Nell’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) viene in...


La Dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare, è risultata essere non migliore dell’Eparina non-frazionata nella prevenzione della trombosi venosa profonda...


I risultati dello studio ATOLL hanno evidenziato che l’Eparina a basso peso molecolare, Enoxaparina ( Clexane, ) è più efficace...


Lo studio STACKENOX ( STACK-on to ENOXaparin ) ha valutato l’effetto anticoagulante cumulativo dell’aggiunta di Eparina non-frazionata a soggetti già...


Scopo dello studio è stato quello di identificare un sottogruppo di pazienti ad alto rischio di sanguinamento o di infarto...


Non è noto se la Bivalirubina ( Angiox, Angiomax ) sia superiore all’Eparina non-frazionata nei pazienti con angina stabile o...