Rituximab, Lenalidomide e Ibrutinib nei pazienti con linfoma a grandi cellule B di nuova diagnosi: studio Smart Start


La chemioimmunoterapia per i pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) di nuova diagnosi è sostanzialmente invariata da decenni.
Sia i modelli preclinici che i dati clinici hanno indicato che la combinazione di Lenalidomide ( Revlimid ) e Ibrutinib ( Imbruvica ) potrebbe avere una sinergia nel linfoma diffuso a grandi cellule B, in particolare nel sottogruppo non-GCB.

Sono stati arruolati 60 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B non-GCB di nuova diagnosi in questo studio di fase II a braccio singolo avviato dallo sperimentatore di Rituximab, Lenalidomide e Ibrutinib ( RLI ) con l'aggiunta sequenziale della chemioterapia.

I pazienti sono stati trattati con Rituximab 375 mg/m2 per via endovenosa una volta al giorno 1, Lenalidomide 25 mg una volta al giorno nei giorni 1-10 e Ibrutinib 560 mg una volta al giorno continuativamente per ogni ciclo di 21 giorni ( RLI ).
Dopo 2 cicli, la chemioterapia standard è stata aggiunta al regime RLI per altri 6 cicli.

Gli endpoint primari erano il tasso di risposta globale ( ORR ) dopo 2 cicli di solo regime RLI e il tasso di risposta completa dopo il completamento di RLI con chemioterapia.
Nei campioni valutabili sono stati eseguiti i test del DNA tumorale circolante e DLBCL90.

L'età media era di 63.5 anni con il 28% di età pari o superiore a 70 anni.
L'indice prognostico internazionale ( IPI ) rivisto ha identificato il 42% come ad alto rischio e il 62% era doppio espressore delle proteine MYC e BCL2.

Il tasso di risposta globale dopo due cicli di RLI è stato pari all'86.2% e il tasso di risposta completa ( CRR ) alla fine della chemioterapia RLI è stato del 94.5%.

Con un follow-up mediano di 31 mesi, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state rispettivamente del 91.3% e del 96.6% a 2 anni.

Smart Start è stato il primo studio a trattare il linfoma diffuso a grandi cellule B di nuova diagnosi con una combinazione terapeutica mirata prima della chemioterapia.

Rituximab, Lenalidomide e Ibrutinib hanno prodotto un tasso di risposta globale elevato, e Rituximab, Lenalidomide e Ibrutinib con la chemioterapia hanno prodotto risposte durature. Ciò stabilisce il potenziale per lo sviluppo di terapie di prima linea guidate biologicamente e non-citotossiche per linfoma diffuso a grandi cellule B. ( Xagena2023 )

Westin J et al, J Clin Oncol 2023; 41: 745-755

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli

In precedenza sono stati segnalati alti tassi di malattia minima residua non-rilevabile inferiore a 10-4 ( uMRD4 ) con Ibrutinib...


In uno studio testa-a-testa multinazionale di fase 3, Ibrutinib ( Imbruvica ), un inibitore della tirosina chinasi di Bruton (...


Sono stati valutati i sottogruppi di cellule immunitarie nei pazienti con leucemia linfatica cronica ( CLL ) che hanno ricevuto...


Lo studio di fase III ASPEN ha dimostrato l'efficacia comparabile e il miglioramento della sicurezza di Zanubrutinib ( Brukinsa )...


I risultati della Parte 1 dello studio globale di fase 3 SPARKLE, in aperto, randomizzato, supportano la valutazione continua di...


Nuovi agenti, inclusi gli inibitori della tirosin chinasi di Bruton ( BTK ), sono diventati lo standard di cura per...


L'analisi finale dello studio multicentrico di fase 2 in aperto CLL2-GIVe ha mostrato la risposta e la tollerabilità della tripla...


ELEVATE-RR ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione non-inferiore e una minore incidenza di eventi avversi chiave con Acalabrutinib (...


Zanubrutinib ( Brukinsa ) è un potente inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) di nuova generazione e irreversibile...