Sopravvivenza a lungo termine dei pazienti con beta talassemia major trattati con trapianto di cellule staminali ematopoietiche rispetto alla sopravvivenza con trattamento convenzionale


Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogeniche ( HSCT ) nella talassemia rimane una sfida.
È stato riportato uno studio caso-controllo effettuato in un singolo Centro su un'ampia coorte di 516 bambini e pazienti adulti sottoposti a HSCT o supporto trasfusionale e terapia di chelazione del ferro; 258 pazienti ( età media 12 anni ) sono stati sottoposti a trapianto HSCT da donatore imparentato ( 67% ) o non-imparentato ( 33% ); 97 pazienti erano adulti ( età di 16 anni o superiore ).

Il follow-up mediano dopo trapianto HSCT è stato di 11 anni.

Il regime di condizionamento si basava su Busulfan ( 80.6% ) o Treosulfan ( 19.4% ).
È stata selezionata casualmente una coorte di 258 pazienti abbinati per sesso ed età trattati in modo convenzionale.

Nei pazienti trapiantati la sopravvivenza globale a 30 anni ( OS ) e la sopravvivenza libera da talassemia ( TFS ) sono state, rispettivamente, pari a 82.6% e a 77.8%, contro una sopravvivenza globale dell'85.3% nei pazienti con trattamento convenzionale ( P=NS ).
L'incidenza di malattia di trapianto contro l’ospite ( GvHD ) di grado II-IV acuta e cronica è stata rispettivamente del 23.6% e del 12.9%.
La probabilità di rigetto è stata del 6.9%.

La mortalità legata al trapianto ( TRM ) ( 13.8% ) è risultata simile alla probabilità di morte per eventi cardiovascolari nei pazienti con terapia convenzionale ( 12.2% ).

Il punteggio di Pesaro ad alto rischio ( classe 3 ) era associato a ridotta sopravvivenza globale ( OR=1.99 ) e a sopravvivenza senza talassemia ( OR=1.54 ).

Nei pazienti adulti, la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione a 23 anni dopo trapianto HSCT erano, rispettivamente, 70% e 67.3%, contro 71.2% per la sopravvivenza globale nella terapia convenzionale ( P=NS ).

Infine, Treosulfan è risultato associato a un minor rischio di GvHD acuta ( P=0.004; OR=0.28 ).

In conclusione, il tasso di sopravvivenza a 30 anni dei pazienti con talassemia dopo trapianto di cellule staminali emopoietiche è risultato simile a quello atteso nei pazienti con talassemia trattati con terapia convenzionale, con la stragrande maggioranza dei sopravvissuti a trapianto HSCT guariti dalla talassemia. ( Xagena2017 )

Caocci G et al, Am J Hematol 2017; 92: 1303-1310

Emo2017



Indietro

Altri articoli

Exjade è un medicinale contenente il principio attivo Deferasirox, che trova impiego nel trattamento del sovraccarico cronico di ferro (...


Sono state valutate in modo prospettico le complicanze endocrine dei pazienti con talassemia major che hanno subito il trapianto di...


La disponibilità di tre chelanti del ferro ha migliorato lo scenario della terapia chelante per i pazienti con talassemia trasfusione-dipendente...


Sono state valutate le funzioni delle paratiroidi e la densità minerale ossea ( BMD ) nei pazienti con beta talassemia,...


Negli ultimi anni, la questione della osteopenia / osteoporosi nei bambini, adolescenti e giovani adulti con talassemia major ha attirato...


I progressi nella terapia chelante e il monitoraggio non invasivo del sovraccarico di ferro hanno portato a sostanziali miglioramenti nella...


I pazienti con beta-talassemia major sono ad alto rischio di eventi tromboembolici a causa di una condizione di ipercoagulabilità. La splenectomia...


Il sovraccarico di ferro nella beta-talassemia major si traduce in genere in cardiomiopatia ferro-indotta, malattie del fegato e complicanze endocrine....


Le prestazioni fisiche diminuiscono nei pazienti con talassemia major, ma l'impatto relativo dell’anemia e del sovraccarico di ferro sulla capacità...