Sopravvivenza a lungo termine dei pazienti con beta talassemia major trattati con trapianto di cellule staminali ematopoietiche rispetto alla sopravvivenza con trattamento convenzionale


Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogeniche ( HSCT ) nella talassemia rimane una sfida.
È stato riportato uno studio caso-controllo effettuato in un singolo Centro su un'ampia coorte di 516 bambini e pazienti adulti sottoposti a HSCT o supporto trasfusionale e terapia di chelazione del ferro; 258 pazienti ( età media 12 anni ) sono stati sottoposti a trapianto HSCT da donatore imparentato ( 67% ) o non-imparentato ( 33% ); 97 pazienti erano adulti ( età di 16 anni o superiore ).

Il follow-up mediano dopo trapianto HSCT è stato di 11 anni.

Il regime di condizionamento si basava su Busulfan ( 80.6% ) o Treosulfan ( 19.4% ).
È stata selezionata casualmente una coorte di 258 pazienti abbinati per sesso ed età trattati in modo convenzionale.

Nei pazienti trapiantati la sopravvivenza globale a 30 anni ( OS ) e la sopravvivenza libera da talassemia ( TFS ) sono state, rispettivamente, pari a 82.6% e a 77.8%, contro una sopravvivenza globale dell'85.3% nei pazienti con trattamento convenzionale ( P=NS ).
L'incidenza di malattia di trapianto contro l’ospite ( GvHD ) di grado II-IV acuta e cronica è stata rispettivamente del 23.6% e del 12.9%.
La probabilità di rigetto è stata del 6.9%.

La mortalità legata al trapianto ( TRM ) ( 13.8% ) è risultata simile alla probabilità di morte per eventi cardiovascolari nei pazienti con terapia convenzionale ( 12.2% ).

Il punteggio di Pesaro ad alto rischio ( classe 3 ) era associato a ridotta sopravvivenza globale ( OR=1.99 ) e a sopravvivenza senza talassemia ( OR=1.54 ).

Nei pazienti adulti, la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione a 23 anni dopo trapianto HSCT erano, rispettivamente, 70% e 67.3%, contro 71.2% per la sopravvivenza globale nella terapia convenzionale ( P=NS ).

Infine, Treosulfan è risultato associato a un minor rischio di GvHD acuta ( P=0.004; OR=0.28 ).

In conclusione, il tasso di sopravvivenza a 30 anni dei pazienti con talassemia dopo trapianto di cellule staminali emopoietiche è risultato simile a quello atteso nei pazienti con talassemia trattati con terapia convenzionale, con la stragrande maggioranza dei sopravvissuti a trapianto HSCT guariti dalla talassemia. ( Xagena2017 )

Caocci G et al, Am J Hematol 2017; 92: 1303-1310

Emo2017



Indietro

Altri articoli

I pazienti con talassemia non-trasfusione-dipendente ( NTDT ), sebbene non richiedano regolari trasfusioni di sangue per la sopravvivenza, possono comunque...


Il Comitato di sicurezza dell'EMA ( PRAC ) ha concluso che non ci sono prove che Zynteglo causi leucemia mieloide...


L’Azienda titolare dell’autorizzazione del medicinale per la terapia genica Zynteglo, Bluebird Bio, per il trattamento della beta talassemia, malattia rara...


I pazienti con beta-talassemia dipendente dalle trasfusioni necessitano di regolari trasfusioni di globuli rossi. Luspatercept ( Reblozyl ), una proteina...


La Commissione europea ( CE ) ha approvato Reblozyl ( Luspatercept ) per il trattamento di: a) pazienti adulti con anemia...


La beta-talassemia è una malattia ereditaria con limitate opzioni terapeutiche approvate; i pazienti manifestano anemia e le sue complicanze, incluso...


La FDA ( U.S. Food and Drug Administration ) ha concesso l'approvazione a Reblozyl ( Luspatercept-aamt; Luspatercept ) per il...


Zynteglo è un medicinale indicato per il trattamento della beta-talassemia, una malattia del sangue, in pazienti di età pari o...


La gestione del sovraccarico di ferro nella talassemia è cambiata radicalmente dall'implementazione della risonanza magnetica, che consente il rilevamento del...


Il sovraccarico di ferro è inevitabile nei pazienti che dipendono dalla trasfusione. Nei bambini piccoli con talassemia trasfusione-dipendente ( TDT ),...