Aggiunta di 90Y-Ibritumomab tiuxetano a regime di condizionamento a ridotta intensità per trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche efficace nel linfoma a cellule B in stadio ad alto rischio e avanzato


I pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B in stadio avanzato, refrattario a chemioterapia iniziale o recidivante dopo trapianto autologo di cellule staminali, presentano una prognosi sfavorevole.
In questi pazienti, il trapianto allogenico di cellule staminali dopo regime di condizionamento a ridotta intensità ( RIC ) può rappresentare una potenziale opzione terapeutica, anche se l'elevata incidenza di recidiva ne limita l'efficacia.

Partendo dall'ipotesi che l'aggiunta di 90Y-Ibritumomab tiuxetano ( Zevalin ) a un regime di condizionamento a ridotta intensità a base di Fludarabina fornisca un miglior controllo del linfoma senza eccessiva tossicità, uno studio clinico di fase II, multicentrico, prospettico, ha valutato il profilo di sicurezza di tale associazione.

Un totale di 31 pazienti con linfoma in stadio avanzato provenienti da 5 differenti Centri sono stati arruolati nel periodo 2008-2010.
Di questi, 30 pazienti con risposta completa o parziale dopo fallimento di una mediana di 3 ( range: 2-4 ) precedenti regimi chemioterapici, inclusi 29 pazienti sottoposti a trapianto autologo, erano valutabili per la mortalità senza recidive a 100 giorni di distanza dal trapianto, end-point primario dello studio.

Dopo un follow-up mediano di 32 mesi ( range: 29-60 mesi ), la sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza globale a 2 anni sono risultate entrambe pari all'80% ( intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 60.8-90.5% ) nell'intero campione di pazienti.

L'incidenza cumulativa di mortalità senza recidiva è stata del 3.3% ( IC 95%: 0.2-14.9% ) a distanza di 100 giorni dal trapianto, mentre è stata del 13.3% ( IC 95%: 5.4-33.2% ) a distanza di 2 anni dal trapianto.

L'incidenza cumulativa a 2 anni di recidiva è stata del 6.7% ( IC 95%: 1.7-25.4% ).

L'incidenza cumulativa di malattia di grado II-IV è stata del 27%, mentre l'incidenza di malattia estensiva cronica da rigetto è stata del 14%.

In conclusione, nel linfoma a cellule B ad alto rischio, in stadio avanzato e sensibile a chemioterapia, l'aggiunta di 90Y-Ibritumomab tiuxetano a un regime di condizionamento a ridotta intensità a base di Fludarabina, Busulfan e globulina antitimocitaria seguito da trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche si è dimostrata sicura e altamente efficace. ( Xagena2015 )

Bouabdallah K et al, Ann Oncol 2015; 26: 193-198

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro

Altri articoli

I pazienti con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) di linea B sono ad alto rischio di recidiva dopo trapianto...


Una revisione ha evidenziato che il nuovo agente antivirale Letermovir ( Prevymis ) risulta efficace nella prevenzione primaria dell'infezione da...


L'ulteriore miglioramento dei regimi preparativi prima del trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ) è un'esigenza medica insoddisfatta...


È stato precedentemente dimostrato che la globulina anti-timocita ( ATLG ) più Ciclosporina e Metotrexato somministrati a pazienti con leucemia...



Il trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) allogenico è una opzione terapeutica per le malattie maligne e...


L'effetto del sovraccarico sistemico di ferro sugli esiti dopo trapianto allogenico di cellule emopoietiche ( HCT ) è stato oggetto di dibattito. È stato studiato il...


Prevymis, che contiene il principio attivo Letermovir, è un medicinale antivirale utilizzato per prevenire la malattia causata da citomegalovirus (...


La Commissione Europea ha autorizzato l’immissione in commercio di Letermovir, nella formulazione in compresse per la somministrazione orale e...


Come terapia di consolidamento per la leucemia mieloide acuta ( AML ), il trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogeniche fornisce...