Condizionamento a dose ridotta versus standard seguito da trapianto allogenico di cellule staminali per i pazienti con sindrome mielodisplastica


Lo studio RICMAC ha confrontato un regime di condizionamento a ridotta intensità ( RIC ) con un regime di condizionamento mieloablativo ( MAC ) prima del trapianto allogenico nei pazienti con sindrome mielodisplastica ( MDS ) in uno studio randomizzato.

All'interno della European Society of Blood and Marrow Transplantation ( EBMT ) è stato condotto uno studio randomizzato di fase III, multicentrico, in aperto, che ha confrontato un regime di condizionamento a ridotta intensità a base di Busulfan con un regime di condizionamento mieloablativo nei pazienti con sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta secondaria.

In totale sono stati arruolati 129 pazienti da 18 Centri. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale e sono stati stratificati secondo il donatore, l'età e il numero di blasti.

L'attecchimento del trapianto è risultato paragonabile in entrambi i gruppi.

L'incidenza cumulativa di malattia acuta graft-versus-host da II a IV è stata del 32.3% dopo regime di condizionamento a ridotta intensità e del 37.5% dopo regime di condizionamento mieloablativo ( P=0.35 ).
L'incidenza cumulativa di malattia cronica graft-versus-host è stata pari a 61.6% dopo regime di condizionamento a ridotta intensità e a 64.7% dopo regime di condizionamento mieloablativo ( P=0.76 ).

L'incidenza cumulativa di mortalità non-dovuta a recidiva dopo 1 anno è stata del 17% dopo regime di condizionamento a ridotta intensità e del 25% dopo regime di condizionamento mieloablativo( P=0.29 ).

L'incidenza cumulativa di recidiva a 2 anni è risultata pari al 17% dopo regime di condizionamento a ridotta intensità e del 15% dopo MAC ( P=0.6 ), risultando in una sopravvivenza a 2 anni libera da recidiva e in una sopravvivenza complessiva del 62% e 76%, rispettivamente, dopo regime di condizionamento a ridotta intensità, e del 58% e 63%, rispettivamente, dopo regime di condizionamento mieloablativo ( P=0.58 e P=0.08, rispettivamente ).

In conclusione, questo studio prospettico randomizzato della European Society of Blood and Marrow Transplantation ha dimostrato che il regime di condizionamento a ridotta intensità ha prodotto almeno una simile sopravvivenza libera da recidiva a 2 anni e una simile sopravvivenza complessiva a regime di condizionamento mieloablativo nei pazienti con sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta secondaria. ( Xagena2017 )

Kröger N et al, J Clin Oncol 2017; 35: 2157-2164

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

I pazienti con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) di linea B sono ad alto rischio di recidiva dopo trapianto...


Una revisione ha evidenziato che il nuovo agente antivirale Letermovir ( Prevymis ) risulta efficace nella prevenzione primaria dell'infezione da...


L'ulteriore miglioramento dei regimi preparativi prima del trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ) è un'esigenza medica insoddisfatta...


È stato precedentemente dimostrato che la globulina anti-timocita ( ATLG ) più Ciclosporina e Metotrexato somministrati a pazienti con leucemia...



Il trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) allogenico è una opzione terapeutica per le malattie maligne e...


L'effetto del sovraccarico sistemico di ferro sugli esiti dopo trapianto allogenico di cellule emopoietiche ( HCT ) è stato oggetto di dibattito. È stato studiato il...


Prevymis, che contiene il principio attivo Letermovir, è un medicinale antivirale utilizzato per prevenire la malattia causata da citomegalovirus (...


La Commissione Europea ha autorizzato l’immissione in commercio di Letermovir, nella formulazione in compresse per la somministrazione orale e...


Come terapia di consolidamento per la leucemia mieloide acuta ( AML ), il trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogeniche fornisce...