Ferro labile nel plasma ed esito nella leucemia mieloide acuta e sindrome mielodisplastica dopo trapianto allogenico di cellule emopoietiche: studio ALLIVE


L'effetto del sovraccarico sistemico di ferro sugli esiti dopo trapianto allogenico di cellule emopoietiche ( HCT ) è stato oggetto di dibattito.
È stato studiato il valore predittivo del ferro immagazzinato ( contenuto di ferro epatico derivato dalla risonanza magnetica ) e del ferro biologicamente attivo ( ferro labile plasmatico enhanced, eLPI ) sugli esiti post-trapianto nei pazienti con leucemia mieloide acuta o sindrome mielodisplastica sottoposti a trapianto HCT allogenico.

Lo studio prospettico, multicentrico, osservazionale, ALLIVE ( ALLogeneic Iron inVEstigators ) ha reclutato pazienti in cinque Centri in Germania.
Sono stati arruolati pazienti con leucemia mieloide acuta o sindrome mielodisplastica sottoposti a trapianto HCT allogenico.
I pazienti sono stati sottoposti a condizionamento citotossico per una mediana di 6 giorni prima di sottoporsi a trapianto HCT allogenico e sono stati seguiti fino a 1 anno post- trapianto.

È stato misurato eLPI in campioni di siero con il kit FeROS eLPI ( Aferrix ) e sono stati considerati valori superiori a 0.4 micromol/l per rappresentare un eLPI aumentato.
Il contenuto di ferro nel fegato è stato misurato mediante risonanza magnetica.

Gli endpoint primari erano la delineazione quantitativa della dinamica di eLPI durante trapianto HCT allogenico e il coefficiente di correlazione tra il contenuto di ferro epatico prima di trapianto HCT e la dinamica di eLPI ( eLPIdyn, eLPI massimo meno eLPI basale ).

Tra il 2012 e il 2014, 112 pazienti sono stati sottoposti a trapianto CT allogenico.

Il contenuto di ferro a livello epatico prima del trapianto HCT allogenico non è stato significativamente correlato con eLPIdyn ( rho=0.116, P=0.22 ).

Le concentrazioni sieriche di eLPI sono aumentate rapidamente durante il condizionamento e la maggior parte dei pazienti ( 79 su 108, 73% ) ha avuto un aumento di eLPI entro il giorno del trapianto.

Pazienti con un contenuto di ferro epatico pre-trapianto maggiore o uguale a 125 micromol/g hanno presentato un'aumentata incidenza di mortalità non-dovuta a recidiva ( 20% ) rispetto a quelli con concentrazioni più basse ( 7%, P=0.039 ) al giorno 100.

I pazienti che avevano eLPI aumentato al basale hanno avuto anche una incidenza significativamente maggiore di mortalità non-dovuta a recidiva al giorno 100 ( 33% ) rispetto a quelli con eLPI normale al basale ( 7%, P=0.00034 ).

In conclusione, eLPI è un possibile mediatore biologico della tossicità legata al ferro.
Strategie di misurazione di eLPI peri-trapianto potrebbero essere esplorate in studi clinici prospettici interventistici per i pazienti con sovraccarico di ferro sistemico. ( Xagena2018 )

Wermke M et al, Lancet Haematol 2018; 5: e201-e210

Emo2018



Indietro

Altri articoli

I pazienti con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) di linea B sono ad alto rischio di recidiva dopo trapianto...


Una revisione ha evidenziato che il nuovo agente antivirale Letermovir ( Prevymis ) risulta efficace nella prevenzione primaria dell'infezione da...


L'ulteriore miglioramento dei regimi preparativi prima del trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ) è un'esigenza medica insoddisfatta...


È stato precedentemente dimostrato che la globulina anti-timocita ( ATLG ) più Ciclosporina e Metotrexato somministrati a pazienti con leucemia...



Il trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) allogenico è una opzione terapeutica per le malattie maligne e...


Prevymis, che contiene il principio attivo Letermovir, è un medicinale antivirale utilizzato per prevenire la malattia causata da citomegalovirus (...


La Commissione Europea ha autorizzato l’immissione in commercio di Letermovir, nella formulazione in compresse per la somministrazione orale e...


Come terapia di consolidamento per la leucemia mieloide acuta ( AML ), il trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogeniche fornisce...