Trapianto allogenico di cellule staminali in pazienti con leucemia mieloide acuta NPM1-mutata


La presenza di una mutazione nel gene nucleofosmina-1 ( NPM1mut ) nella leucemia mieloide acuta ( AML ) è associata a una prognosi favorevole.
Per valutare il valore predittivo per quanto riguarda il trapianto allogenico di cellule staminali ( SCT ), è stato confrontato il decorso clinico dei pazienti con leucemia mieloide acuta NPM1mut ammissibili a trapianto allogenico di cellule staminali in una analisi con disponibilità di un donatore versus nessuna disponibilità.

Tra i 1.179 pazienti con leucemia mieloide acuta ( età 18-60 anni ) trattati nello studio Study Alliance Leukemia AML 2003, sono stati identificati tutti i pazienti NPM1 mut con cariotipo a rischio intermedio.

Secondo il protocollo della sperimentazione, i pazienti sono stati destinati a ricevere trapianto allogenico di cellule staminali se era disponibile un fratello donatore HLA identico.
I pazienti senza donatore disponibile hanno ricevuto consolidamento o trapianto autologo di cellule staminali.

Sono state confrontate la sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) in base alla disponibilità di un donatore compatibile.

Dei 304 pazienti eleggibili, 77 pazienti avevano un donatore fratello e 227 non avevano un familiare donatore disponibile abbinato.

I tassi di sopravvivenza libera da recidive a 3 anni i nei gruppi con donatore e senza donatore sono stati, rispettivamente, 71% e 47% (P=0.005); i tassi di sopravvivenza globale sono stati, rispettivamente, 70% e 60% ( P=0.114 ).

Nei pazienti con cariotipo normale e nessuna duplicazione in tandem interna al gene FLT3 ( n=148 ), i tassi di sopravvivenza libera da recidive a 3 anni nei gruppi con donatore e senza donatore sono stati, rispettivamente, 83% e 53% ( P=0.004 ); i tassi di sopravvivenza globale a 3 anni sono stati, rispettivamente, 81% e 75% ( P=0.300 ).

in conclusione, il trapianto allogenico di cellule staminali ha portato a sopravvivenza libera da recidive significativamente prolungata nei pazienti con leucemia mieloide acuta NPM1mut.
L'assenza di una differenza statisticamente significativa nella sopravvivenza globale è probabilmente un risultato del fatto che i pazienti NPM1mut che hanno avuto recidiva hanno risposto bene al trattamento di salvataggio.
Il trapianto allogenico di cellule staminali in prima remissione ha una potente efficacia antileucemica ed è una valida opzione terapeutica nei pazienti con leucemia mieloide acuta NPM1mut con un fratello donatore. ( Xagena2015 )

Röllig C et al, J Clin Oncol 2015;33:403-410

Emo2015 Onco2015



Indietro

Altri articoli

I pazienti con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) di linea B sono ad alto rischio di recidiva dopo trapianto...


Una revisione ha evidenziato che il nuovo agente antivirale Letermovir ( Prevymis ) risulta efficace nella prevenzione primaria dell'infezione da...


L'ulteriore miglioramento dei regimi preparativi prima del trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ) è un'esigenza medica insoddisfatta...


È stato precedentemente dimostrato che la globulina anti-timocita ( ATLG ) più Ciclosporina e Metotrexato somministrati a pazienti con leucemia...



Il trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) allogenico è una opzione terapeutica per le malattie maligne e...


L'effetto del sovraccarico sistemico di ferro sugli esiti dopo trapianto allogenico di cellule emopoietiche ( HCT ) è stato oggetto di dibattito. È stato studiato il...


Prevymis, che contiene il principio attivo Letermovir, è un medicinale antivirale utilizzato per prevenire la malattia causata da citomegalovirus (...


La Commissione Europea ha autorizzato l’immissione in commercio di Letermovir, nella formulazione in compresse per la somministrazione orale e...


Come terapia di consolidamento per la leucemia mieloide acuta ( AML ), il trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogeniche fornisce...