Prevalenza, carico dei sintomi e storia naturale della trombosi venosa profonda nelle persone con tumore avanzato nelle Unità di cure palliative specialistiche: studio HIDDen


La prevalenza della trombosi venosa profonda nei pazienti con tumore avanzato non è confermata e non è noto se l'attuale guida internazionale alla tromboprofilassi sia applicabile a questa popolazione.
Sono stati determinati la prevalenza e i predittori di trombosi venosa profonda femorale nei pazienti ricoverati in Unità di cure palliative specializzate ( SPCU ).

È stato condotto lo studio prospettico longitudinale osservazionale HIDDen in cinque SPCU in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord ( 4 hospice e 1 Unità di cure palliative ).

Gli adulti con patologia tumorale sono stati sottoposti ad ecografia della vena femorale bilaterale al momento del ricovero e settimanalmente fino alla morte o alla dimissione per un massimo di 3 settimane.

Sono stati raccolti dati sullo stato delle prestazioni, sui sintomi attribuibili e sulle variabili note per essere associate al tromboembolismo venoso.
I pazienti con una prognosi a breve termine ( inferiore a 5 giorni) non erano eleggibili.

L'endpoint primario dello studio era la prevalenza della trombosi venosa profonda femorale entro 48 ore dall'ammissione nelle SPCU.

Tra il 2016 e il 2017, sono stati arruolati 343 partecipanti ( età media 68.2 anni, 179 maschi, 52%, Karnofsky performance status modificato secondo la modalità australiana 49 ).
Su 273 pazienti con scansioni valutabili, 92 ( 34% ) avevano trombosi venosa profonda venosa.
4 partecipanti con una scansione senza trombosi venosa profonda al momento del ricovero hanno sviluppato trombosi venosa profonda durante la ripetizione della scansione nell’arco di 21 giorni.

Un precedente tromboembolismo venoso ( P=0.014 ), la costrizione a letto nelle ultime 12 settimane per qualsiasi motivo ( P=0.003 ) e l’edema degli arti inferiori ( P=0.009 ) hanno predetto indipendentemente la trombosi venosa profonda.
La concentrazione di albumina sierica ( P=0.43 ), la tromboprofilassi ( P=0.17 ) e la sopravvivenza ( P=0.45 ) non sono risultate correlate alla trombosi venosa profonda.

Circa un terzo dei pazienti con tumore avanzato ammessi alle SPCU avevano trombosi venosa profonda della vena femorale.
La trombosi venosa profonda non è stata associata a tromboprofilassi, sopravvivenza o sintomi diversi dall'edema delle gambe.
Questi risultati sono coerenti con il tromboembolismo venoso come manifestazione di malattia avanzata piuttosto che causa di morte prematura.
La tromboprofilassi per i pazienti ricoverati nelle SPCU con scarso performance status sembra essere di ridotto beneficio. ( Xagena2019 )

White C et al, Lancet Haematology 2019; 6: 79-88

Emo2019 Onco2019



Indietro

Altri articoli

Per indagare sulla trombosi venosa profonda ( DVT ) nei pazienti ospedalizzati con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ),...


Pradaxa è un medicinale anticoagulante che trova impiego per: prevenire la formazione di coaguli ematici nelle vene degli adulti...



La sindrome post-trombotica è una complicanza comune dopo trombosi venosa profonda ( DVT ) acuta prossimale ed è associata a...


L'efficacia e la sicurezza del trattamento anticoagulante non sono ben definite per i pazienti con trombosi venosa profonda, acuta e...


L’Agenzia regolatoria statunitense ha annunciato l’approvazione di Edoxaban ( Savaysa ) per ridurre il rischio di ictus e di embolia...


La Commissione Europea ha approvato Eliquis ( Apixaban ) per il trattamento e la prevenzione della trombosi venosa profonda e...


Pradaxa, il cui principio attivo è Dabigatran etexilato, è stato approvato dalla Commissione Europea per il trattamento e la prevenzione...


È stata determinata la storia naturale della trombosi venosa profonda nei bambini che presentano un primo episodio nelle vene degli...