Sindrome post-trombotica e trombolisi diretta mediante catetere per trombosi venosa profonda


La sindrome post-trombotica è una complicanza comune dopo trombosi venosa profonda ( DVT ) acuta prossimale ed è associata a una ridotta qualità di vita e a un burden notevole.

Nei risultati a 2 anni dello studio CaVenT, una ulteriore trombolisi diretta mediante catetere ha ridotto il rischio di sindrome post-trombotica del 14% rispetto alla terapia convenzionale, ma non ha influenzato la qualità di vita.

In questo studio sono stati riportati i risultati a 5 anni di follow-up, al fine di valutare se i risultati per la sindrome post-trombotica e la qualità di vita si siano mantenuti.

Tra il 2006 e il 2009 sono stati reclutati pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni con trombosi venosi profonda della gamba, parte prossimale, da 20 ospedali in Norvegia.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento standard con le calze a compressione e gli anticoagulanti ( gruppo di controllo ) o alla terapia standard più trombolisi diretta mediante catetere con Alteplase [ Actilyse ] entro 21 giorni dalla comparsa dei sintomi.

Gli esiti in questa analisi sono stati sindrome post-trombotica a 5 anni valutata con il punteggio di Villalta e i punteggi per la qualità di vita a 5 anni con i questionari EQ-5D e VEINES-QOL / Sym specifico per la malattia.

Al follow-up a 5 anni ( ottobre 2014 ) erano disponibili i dati per 176 pazienti ( 84% dei 209 pazienti originariamente randomizzati ): 87 originariamente assegnati alla trombolisi diretta mediante catetere e 89 originariamente assegnati al gruppo di controllo.

37 pazienti ( 43% ) assegnati alla trombolisi diretta mediante catetere hanno sviluppato la sindrome post-trombotica, rispetto a 63 pazienti ( 71% ) assegnati al gruppo di controllo ( P minore di 0.0001 ), corrispondente a una riduzione del rischio assoluto del 28% e a un NNT ( numero di pazienti da trattare per ottenere un beneficio ) di 4.

4 pazienti ( 5% ) assegnati alla trombolisi diretta mediante catetere e 1 paziente ( 1% ) assegnato al trattamento standard hanno presentato una grave sindrome post-trombotica ( punteggio di Villalta uguale o superiore a 15 o presenza di una ulcera ).

I punteggi di qualità di vita con qualsiasi scala di valutazione non hanno mostrato differenze tra i gruppi di trattamento.

Una ulteriore trombolisi diretta mediante catetere ha determinato un persistente e aumentato beneficio clinico durante il follow-up per un massimo di 5 anni, sostenendone l'uso nei pazienti con una vasta trombosi venosa profonda prossimale.
Tuttavia, l'assegnazione a questa terapia non ha portato a una migliore qualità di vita.
L'approccio endovascolare trombolitico ottimale necessita di ulteriori indagini. ( Xagena2016 )

Haig Y et al, Lancet 2016; 3: e64-e71

Emo2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

Per indagare sulla trombosi venosa profonda ( DVT ) nei pazienti ospedalizzati con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ),...


La prevalenza della trombosi venosa profonda nei pazienti con tumore avanzato non è confermata e non è noto se l'attuale...


Pradaxa è un medicinale anticoagulante che trova impiego per: prevenire la formazione di coaguli ematici nelle vene degli adulti...



L'efficacia e la sicurezza del trattamento anticoagulante non sono ben definite per i pazienti con trombosi venosa profonda, acuta e...


L’Agenzia regolatoria statunitense ha annunciato l’approvazione di Edoxaban ( Savaysa ) per ridurre il rischio di ictus e di embolia...


La Commissione Europea ha approvato Eliquis ( Apixaban ) per il trattamento e la prevenzione della trombosi venosa profonda e...


Pradaxa, il cui principio attivo è Dabigatran etexilato, è stato approvato dalla Commissione Europea per il trattamento e la prevenzione...


È stata determinata la storia naturale della trombosi venosa profonda nei bambini che presentano un primo episodio nelle vene degli...