Possibile relazione tra anticorpi antifosfolipidi ed eventi embolici nella endocardite infettiva


Gli anticorpi antifosfolipidi ( aPL ) possono attivare le piastrine e contribuire alla crescita vegetativa e all'embolizzazione nell'endocardite infettiva .
Sono stati determinati i valori degli anticorpi antifosfolipidi come predittori di eventi embolici nella endocardite infettiva.

Sono stati studiati 186 pazienti con endocardite infettiva definita ( criteri Duke-Li, tutti i tipi di endocardite infettiva ) dal Registro prospettico Nanc-IE ( 2007-2012 ) che avevano tutti un campione di sangue congelato ed erano stati sottoposti ad almeno una procedura di imaging per rilevare gli eventi embolici asintomatici o confermare eventi embolici sintomatici.

Gli anticorpi anti-cardiolipina ( aCL ) e anti-beta2-glicoproteina I ( beta2-GPI ) ( IgG e IgM ) sono stati valutati dopo la fine dell'inclusione dei pazienti.
È stata studiata la relazione tra anticorpi e il rilevamento di eventi embolici dopo la diagnosi di endocardite infettiva.

Almeno un evento embolico è stato rilevato in 118 pazienti ( 63% ) ( 52 eventi cerebrali, 95 eventi in altre aree ) dopo la diagnosi di endocardite infettiva in 80 ( intervallo di tempo tra diagnosi di endocardite infettiva ed eventi embolici: 5.9 giorni ).

È stato rilevato almeno un anticorpo aPL in 31 pazienti ( 17% ).

Il rilevamento di eventi embolici nel tempo dopo la diagnosi di endocardite infettiva è stato più frequente tra i pazienti con IgM anti-beta2-GPI ( log-rank P=0.0036 ) e quello di embolia cerebrale tra i pazienti con aCL IgM e IgM anti-beta2-GPI (log-rank P=0.002 e P minore di 0.0001, rispettivamente ).

Fattori predittivi di eventi embolici sono stati IgM anti-beta2-GPI ( HR=3.45, P=0.0045 ), creatinina ( 2.74, P=0.0005 ) e dimensione della vegetazione ( 2.41, P=0.0014 ).

Fattori predittivi di embolia cerebrale sono stati aCL IgM ( HR=2.84, P=0.016 ) e IgM anti-beta2-GPI ( 4.77, P=0.0018 ).

In conclusione, la presenza di anticorpi antifosfolipidi e IgM anti-beta2-GPI è risultata associata a eventi embolici, in particolare a quelli cerebrali, e potrebbe contribuire a valutare il rischio embolico di endocardite infettiva. ( Xagena2018 )

Selton-Suty C et al, Heart 2018; 104: 509-516

Cardio2018 Inf2018



Indietro

Altri articoli

Le indagini sugli anticorpi diretti contro la glicoproteina oligodendrocitaria associata alla mielina ( MOG ) si concentrano solitamente sulle sindromi...


È difficile identificare il diabete giovanile a esordio nella maturità ( MODY ) nelle popolazioni pediatriche in vicinanza della...


La terapia immunitaria contro il cancro ha mostrato un notevole beneficio nel trattamento di una serie di tipi di tumore,...


La somministrazione di terapie anti-PD-1 è ora uno standard nel tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato. Tuttavia, gli...


Le donne eutiroidee con positività all'anticorpo tiroideo a cui era stata prescritta la Levotiroxina prima e durante la gravidanza non...


È stata studiata la prevalenza di anticorpi neutralizzanti ( NAb ) contro la neurotossina botulinica di tipo A ( BoNT/A...


L'impiego nel breve periodo degli anticorpi monoclonali che legano il peptide correlato al gene della calcitonina ( CGRP ) è...


I risultati di uno studio retrospettivo hanno indicato che tra i pazienti con carcinoma midollare della tiroide ( MTC ),...


L'ipertensione polmonare tromboembolica cronica ( CTEPH ) è una condizione rara e pericolosa per la vita con prognosi infausta nei...


Sono stati identificati gli effetti delle statine e dei fattori di rischio per la trombosi nei pazienti con nuova insorgenza...