Cabozantinib per il tumore differenziato della tiroide refrattario allo Iodio radioattivo: studio COSMIC-311


I pazienti con tumore differenziato della tiroide ( DTC ) refrattario allo Iodio radioattivo precedentemente trattati con terapia mirata al recettore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGFR ) hanno una malattia aggressiva e non sono disponibili standard di cura.
È stato valutato l'inibitore della tirosin-chinasi Cabozantinib ( Cabometyx ) in questa popolazione di pazienti.

Nello studio di fase 3 globale, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo COSMIC-311 i pazienti di età pari o superiore a 16 anni con carcinoma differenziato della tiroide refrattari allo Iodio radioattivo ( papillare o follicolare e loro varianti ) e un ECOG performance status pari a 0 o 1 sono stati assegnati in modo casuale a Cabozantinib orale 60 mg una volta al giorno o placebo, stratificando per precedente trattamento con Lenvatinib ed età.

I pazienti dovevano aver ricevuto in precedenza Lenvatinib o Sorafenib e aver progredito durante o dopo il trattamento con un massimo di due inibitori della tirosin-chinasi di VEGFR.
I pazienti che avevano ricevuto placebo potevano passare a Cabozantinib in aperto alla progressione della malattia confermata dal Comitato di radiologia indipendente in cieco ( BIRC ).

Gli endpoint primari erano il tasso di risposta obiettiva ( risposta confermata per criteri RECIST versione 1.1 ) nei primi 100 pazienti assegnati in modo casuale ( popolazione intention-to-treat ITT per il tasso di risposta obiettiva OITT ) e sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) ( tempo al primo evento tra progressione della malattia secondo RECIST versione 1.1 o morte ) in tutti i pazienti ( popolazione ITT ), entrambi valutati dal Comitato BIRC.

Questo rapporto presenta l'analisi del tasso di risposta obiettiva primaria e un'analisi di sopravvivenza libera da progressione ad interim prepianificata e concomitante.

Tra il 2019 e il 2020, 227 pazienti sono stati valutati per l'idoneità, di cui 187 sono stati arruolati da 164 cliniche in 25 Paesi e assegnati in modo casuale a Cabozantinib ( n=125 ) oppure a placebo ( n=62 ).

Al cutoff dei dati nel 2020 per il tasso di risposta obiettiva primaria e le analisi intermedie di sopravvivenza libera da progressione, il follow-up mediano era di 6.2 mesi per la popolazione ITT e 8.9 mesi per la popolazione OITT.

Una risposta obiettiva nella popolazione OITT è stata ottenuta in 10 su 67 pazienti ( 15% ) nel gruppo Cabozantinib rispetto a 0 su 33 ( 0% ) nel gruppo placebo ( P=0.028 ) ma non ha soddisfatto il livello di significatività prestabilito ( alfa=0.01 ).

A un'analisi intermedia, l'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione è stato raggiunto nella popolazione ITT; Cabozantinib ha mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo: mediana non-raggiunta rispetto a 1.9 mesi; hazard ratio, HR 0.22 ( P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi di grado 3 o 4 si sono verificati in 71 dei 125 pazienti ( 57% ) trattati con Cabozantinib e 16 ( 26% ) dei 62 trattati con placebo, i più frequenti dei quali erano eritrodisestesia palmo-plantare ( 13, 10%, vs 0 ), ipertensione ( 11, 9%, vs 2, 3% ) e affaticamento ( 10, 8%, vs 0 ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 20 su 125 pazienti ( 16% ) nel gruppo Cabozantinib e in 1 su 62 ( 2% ) nel gruppo placebo.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

I risultati hanno mostrato che Cabozantinib prolunga significativamente la sopravvivenza libera da progressione e potrebbe fornire una nuova opzione di trattamento per i pazienti con tumore differenziato della tiroide refrattario allo Iodio radioattivo che non hanno standard di cura disponibili. ( Xagena2021 )

Brose MS et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1126-1138

Endo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro

Altri articoli

Si è determinato se il rischio di secondo tumore maligno primario ( SPM ) nei pazienti con tumore della tiroide...


Dagli anni '80, sia l'incidenza del tumore differenziato della tiroide ( DTC ) che l'uso del trattamento con Iodio radioattivo...


Selumetinib ( Koselugo ) può aumentare l'avidità di Iodio radioattivo ( RAI ) nei tumori refrattari a RAI. Si è...


Tra gli adulti sottoposti a terapia con Iodio radioattivo per il cancro differenziato della tiroide, il rischio di disfunzione epatica...


I pazienti con tumore tiroideo differenziato refrattario allo Iodio radioattivo ( RAIR-DTC ) hanno una prognosi sfavorevole e opzioni di...


Nei pazienti con carcinoma papillare della tiroide a rischio intermedio o alto non è stato riscontrato un aumento del beneficio...


Lo Iodio radioattivo ( RAI ) è stato associato epidemiologicamente allo sviluppo di neoplasie ematologiche. L'emopoiesi clonale è uno stato...


Circa la metà dei pazienti con carcinoma papillare della tiroide presenta tumori con mutazioni attivanti BRAF V600E. Vemurafenib ( Zelboraf...


Thyrogen ( Tireotropina alfa ) è indicato nel test della tireoglobulina sierica ( Tg ) con o senza imaging con...