Combinazione di Denosumab e Teriparatide ad alte dosi per l'osteoporosi postmenopausale: studio DATA-HD


Nello studio DATA ( Denosumab and Teriparatide Administration ), si è dimostrato che Denosumab ( prolia ) inibisce completamente il riassorbimento osseo indotto da Teriparatide ( Forsteo ) consentendo nel contempo la formazione ossea indotta da Teriparatide, con conseguente aumento della densità minerale ossea ( BMD ) dell'anca e della colonna vertebrale rispetto a entrambi i farmaci da soli.

Si è valutato se la somministrazione di Denosumab con Teriparatide ad alte dosi stimoli un aumento della massa ossea rispetto a quello osservato nello studio DATA.

DATA-HD era uno studio di fase 4 in aperto, randomizzato e controllato, condotto presso il Massachusetts General Hospital.
Le donne eleggibili erano donne in postmenopausa ( almeno 36 mesi dalle ultime mestruazioni o dall'isterectomia con una concentrazione di ormone follicolo-stimolante maggiore o uguale a 40 U/l ) con osteoporosi.

Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Teriparatide 20 microg ( dose standard ) o 40 microg ( dose alta ) al giorno tramite iniezione sottocutanea per 9 mesi.
A 3 mesi, entrambi i gruppi hanno iniziato con Denosumab 60 mg ogni 6 mesi tramite iniezione sottocutanea per 12 mesi.
La densità BMD areale ( aBMD ) è stata misurata a 0, 3, 9 e 15 mesi.

L'endpoint primario era la variazione percentuale rispetto al basale di BMD areale vertebrale ( aBMD ) a 15 mesi.
Le donne che hanno completato almeno una visita di studio dopo il basale sono state incluse nell'analisi intention-to-treat modificata.
La sicurezza è stata valutata in tutte le partecipanti assegnate in modo casuale.

Tra il 2014 e il 2016, 269 donne sono state valutate per l'ammissibilità. 76 partecipanti sono state assegnate in modo casuale a 20 microg di Teriparatide ( n=39 ) o 40 microg di Teriparatide ( n=37 ), di cui 69 hanno completato almeno una visita post-basale.

A 15 mesi, aBMD medio della colonna vertebrale è risultato aumentato in misura significativamente maggiore nel gruppo 40 microg ( aumento del 17.5% ) rispetto al gruppo 20 microg ( 9.5%; differenza 8.1%, P minore di 0.0001 ).

Anche aBMD medio del collo femorale era aumentato in misura maggiore nel gruppo 40 microg ( aumento del 6.8% ) rispetto al gruppo 20 microg ( 4.3%; differenza 2.5%, P=0.04 ), come pure aBMD dell'anca totale ( gruppo 40 microg, aumento del 6.1%; gruppo 20 microg, aumento del 3.9%; differenza 2.2%, P minore di 0.0001 ).

In tutto 30 su 39 partecipanti ( 77% ) nel gruppo 20 microg e 29 su 37 partecipanti ( 78% ) nel gruppo 40 microg hanno manifestato un evento avverso e 7 ( 18% ) e 2 ( 5% ) pazienti hanno presentato eventi avversi gravi.

Gli eventi avversi più frequenti sono stati dolori articolari ( 15, 38% ), crampi muscolari ( 15, 38% ) e affaticamento ( 12, 31% ) nel gruppo del gruppo 20 microg e affaticamento ( 14, 38% ), nausea ( 16, 43% ) e dolori articolari ( 17, 46% ) nel gruppo 40 microg.

Non sono stati riportati decessi.

Il trattamento combinato con Teriparatide 40 microg e Denosumab aumenta la densità minerale ossea della colonna vertebrale e dell'anca più della terapia di combinazione standard.
Questo grande e rapido aumento della massa ossea suggerisce che questo regime ad alte dosi potrebbe fornire un metodo per ripristinare l'integrità scheletrica nei pazienti con osteoporosi. ( Xagena2019 )

Tsai JN et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 767-775

Endo2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Le donne con emicrania presentano un aumentato rischio di ipertensione dopo la menopausa, ma da uno studio di coorte longitudinale...


Per le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore ormonale, la durata più efficace per la terapia...


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio...


Il vantaggio di estendere la terapia con inibitori dell'aromatasi oltre i 5 anni nel contesto di precedenti inibitori dell'aromatasi rimane...


La terapia endocrina primaria per il carcinoma duttale in situ ( DCIS ) come potenziale alternativa alla chirurgia è stata...


L'aggiunta della soppressione della funzione ovarica ( OFS ) per 5 anni al Tamoxifene per il trattamento dei pazienti in...


Piqray è un medicinale antitumorale usato per il trattamento di donne post-menopausali e uomini affetti da cancro della mammella localmente...


La durata ottimale della terapia estesa con inibitori dell'aromatasi nei pazienti con tumore mammario in postmenopausa è sconosciuta. Nello studio...