La terapia ormonale postmenopausale prolungata può aumentare il rischio di Alzheimer


La terapia ormonale postmenopausale per 10 anni o più può aumentare il rischio di malattia di Alzheimer, secondo i risultati di uno studio.

E' stato condotto uno studio caso-controllo, utilizzando i dati dei Registri nazionali in Finlandia.
Sono state identificate 84.739 donne a cui era stata diagnosticata la malattia di Alzheimer tra il 1999 e il 2013 e, utilizzando un Registro nazionale della popolazione; il gruppo di controllo era costituito da 84.739 donne senza malattia di Alzheimer.
Entrambi i gruppi sono stati abbinati per età e posizione.

E' stato anche determinato l'uso della terapia ormonale attraverso un Registro nazionale che ha segnalato l'uso di terapia ormonale dal 1994.
La durata dell'esposizione a terapia ormonale è stata classificata come 3 anni o meno, da 3 a 5 anni, da 5 a 10 anni o più di 10 anni.

Le donne che avevano fatto uso solo di Estradiolo ( odds ratio, OR = 1.09, IC 95%, 1.05-1.14 ) o di Estrogeno e progestinico ( OR = 1.17, IC 95%, 1.13-1.21 ) erano ad aumentato rischio di malattia di Alzheimer, ma questo non era vero per le donne che hanno usato solo Estradiolo vaginale ( OR = 0.99, IC 95%, 0.96-1.01 ).

E' stato osservato che quando la terapia estrogeno-progestinica era iniziata da donne di età inferiore ai 60 anni, il rischio è risultato aumentato dall'8% ( OR = 1.08, IC 95%, 1-1.17 ) al 17% ( OR = 1.17; IC 95%, 1.08-1.26) per lo sviluppo della malattia di Alzheimer in base al tipo di progestinico.

In questa stessa popolazione, la terapia ormonale per almeno 10 anni è risultata associata all'aumento del rischio di Alzheimer causato solo dall'Estradiolo ( OR = 1.07, IC 95%, 1-1.15 ) e dalla associazione progestinico ed Estrogeno ( OR = 1.2; IC 95% , 1.13-1.26 ).

Il rischio di Alzheimer è aumentato anche per le donne che hanno iniziato la terapia dopo i 60 anni e hanno usato solo Estradiolo ( OR = 1.15, IC 95%, 1.06-1.25 ), la combinazione Estrogeno e progestinico ( OR = 1.23, IC 95%, 1.14-1.32 ) oppure Tibolone ( OR = 1.38; IC 95%, 1-1.89 ).

Anche se questo aumento del rischio assoluto per la malattia di Alzheimer è piccolo, le conclusioni dlelo studio hanno indicato che la terapia ormonale dovrebbe essere utilizzata nelle donne nella fase precoce della menopausa per il sollievo dei sintomi.
La terapia ormonale non dovrebbe essere avviata per la prevenzione della malattia di Alzheimer, nelle donne anziane che hanno usato ormoni per più di 10 anni, il trattamento potrebbe aumentare il rischio di malattia di Alzheimer. ( Xagena2019 )

Fonte: British Medical Journal, 2019

Gyne2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Le donne con emicrania presentano un aumentato rischio di ipertensione dopo la menopausa, ma da uno studio di coorte longitudinale...


Per le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore ormonale, la durata più efficace per la terapia...


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio...


Il vantaggio di estendere la terapia con inibitori dell'aromatasi oltre i 5 anni nel contesto di precedenti inibitori dell'aromatasi rimane...


La terapia endocrina primaria per il carcinoma duttale in situ ( DCIS ) come potenziale alternativa alla chirurgia è stata...


L'aggiunta della soppressione della funzione ovarica ( OFS ) per 5 anni al Tamoxifene per il trattamento dei pazienti in...


Piqray è un medicinale antitumorale usato per il trattamento di donne post-menopausali e uomini affetti da cancro della mammella localmente...


La durata ottimale della terapia estesa con inibitori dell'aromatasi nei pazienti con tumore mammario in postmenopausa è sconosciuta. Nello studio...