Letrozolo preoperatorio per carcinoma duttale postmenopausale positivo al recettore degli estrogeni in situ: studio Alliance


La terapia endocrina primaria per il carcinoma duttale in situ ( DCIS ) come potenziale alternativa alla chirurgia è stata sottovalutata.
È stata esaminata la fattibilità di un ciclo a breve termine di Letrozolo ( Femara ) e si è cercato di determinare se il trattamento provochi cambiamenti radiografici e biologici misurabili nel carcinoma DCIS positivo per il recettore degli estrogeni ( ER ).

Uno studio di gruppo cooperativo multicentrico a braccio singolo di fase II è stato condotto su pazienti in postmenopausa con diagnosi di tumore DCIS ER-positivo senza invasione.
I pazienti sono stati trattati con Letrozolo 2.5 mg al giorno per 6 mesi prima dell'intervento chirurgico.
La risonanza magnetica per immagini ( MRI ) mammaria è stata effettuata al basale, a 3 mesi e 6 mesi.

L'endpoint primario era la variazione del volume di captazione alla MRI a 6 mesi rispetto al basale.

Complessivamente, sono stati arruolati 79 pazienti, e 70 hanno completato 6 mesi di Letrozolo.
Di questi, 67 pazienti avevano dati di MRI disponibili per ciascun momento temporale.

I volumi di risonanza magnetica al basale variavano da 0.004 a 26.3 cm3. Le riduzioni mediane dal volume della MRI al basale ( 1.4 cm3 ) sono state di 0.6 cm3 ( 61.0% ) a 3 mesi ( P minore di 0.001 ) e 0.8 cm3 ( 71.7% ) a 6 mesi ( P minore di 0.001 ).

Riduzioni costanti sono state osservate nel punteggio H basale mediano di ER ( 228; riduzione mediana, 15.0; P=0.005 ), nel punteggio H del recettore del progesterone ( 15; riduzione mediana, 85.0; P minore di 0.001 ) e nel punteggio Ki67 ( 12%; riduzione mediana, 6.3%; P=0.007 ).

Tra i 59 pazienti sottoposti a chirurgia per protocollo di studio, il tumore DCIS è rimasto persistente in 50 pazienti ( 85% ), il tumore invasivo è stato rilevato in 6 pazienti ( 10% ) e nessun tumore DCIS residuo o tumore invasivo è stato osservato in 9 pazienti ( 15% ).

In una coorte di donne in postmenopausa con carcinoma duttale in situ ER-positivo, il Letrozolo preoperatorio ha provocato significativi cambiamenti nell’imaging e nei biomarcatori.
Questi risultati supportano futuri studi sulla terapia endocrina estesa come trattamento primario non-operatorio per alcuni carcinomi DCIS. ( Xagena2020 )

Kelley LM et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1284-1292

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Le donne con emicrania presentano un aumentato rischio di ipertensione dopo la menopausa, ma da uno studio di coorte longitudinale...


Per le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore ormonale, la durata più efficace per la terapia...


Da uno studio è emerso che gli inibitori dell'aromatasi possono ridurre la recidiva del cancro alla mammella rispetto al Tamoxifene...


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio...


Il vantaggio di estendere la terapia con inibitori dell'aromatasi oltre i 5 anni nel contesto di precedenti inibitori dell'aromatasi rimane...


L'aggiunta della soppressione della funzione ovarica ( OFS ) per 5 anni al Tamoxifene per il trattamento dei pazienti in...


Piqray è un medicinale antitumorale usato per il trattamento di donne post-menopausali e uomini affetti da cancro della mammella localmente...