Piqray, associato a Fulvestrant, nel trattamento di donne in post-menopausa e uomini affetti da cancro della mammella HR+/HER2- e mutazione nel gene PIK3CA


Piqray è un medicinale antitumorale usato per il trattamento di donne post-menopausali e uomini affetti da cancro della mammella localmente avanzato o diffuso in altre parti dell’organismo. Piqray può essere utilizzato solo quando le cellule tumorali presentano recettori per alcuni ormoni sulla loro superficie ( HR-positivo ) e non possiedono grandi quantità di un altro recettore denominato HER2 ( HER2-negativo ). Le cellule cancerogene devono anche avere manifestamente evidenziato una specifica mutazione nel gene denominato PIK3CA.
Piqray trova indicazione associato a Fulvestrant ( trattamento ormonale ) dopo il fallimento della sola terapia ormonale.
Piqray contiene il principio attivo Alpelisib.

Piqray è disponibile sotto forma di compresse da assumere per bocca immediatamente dopo il pasto. La dose consigliata è di 300 mg una volta al giorno, all’incirca alla stessa ora; il trattamento deve continuare finché il paziente ne trae beneficio. Se il paziente manifesta effetti indesiderati inaccettabili, il medico può interrompere il trattamento o ridurre la dose.

Nei pazienti le cui cellule tumorali presentano una mutazione PIK3CA, viene prodotta una forma anomala dell’enzima PI3K che stimola le cellule tumorali a dividersi e a crescere in maniera incontrollata. Il principio attivo di Piqray, Alpelisib, agisce bloccando l’attività del PI3K anormale, riducendo pertanto la crescita e la diffusione del cancro.

Uno studio principale ha coinvolto 340 pazienti affetti da cancro della mammella avanzato con una mutazione PIK3CA in cui il trattamento ormonale non si era rivelato efficace o il cancro si era ripresentato.
I pazienti trattati con Piqray in abbinamento a Fulvestrant hanno vissuto in media per 11 mesi senza che la malattia peggiorasse, rispetto ai circa 6 mesi per i pazienti a cui è stato somministrato un placebo in abbinamento a Fulvestrant.

Gli effetti indesiderati più comuni di Piqray ( che possono riguardare più di 1 persona su 5 ) sono l’incremento della glicemia, il che può rendere un trattamento necessario, l’incremento dei livelli di creatinina ( che può indicare problemi ai reni ), stomatite ( infiammazione della mucosa della bocca ), nausea, vomito, diarrea, appetito ridotto e calo ponderale, esami del sangue anormali per la funzione epatica, aumento dei livelli di lipasi nel sangue ( ad indicare infiammazione del pancreas ), eruzione cutanea, livelli ridotti di linfociti, anemia, stanchezza, ipocalcemia, tempi prolungati di coagulazione del sangue e perdita dei capelli.

L’Agenzia europea per i medicinali, EMA, ha deciso che i benefici di Piqray sono superiori ai rischi.
Piqray impiegato assieme a Fulvestrant ha prolungato il periodo intercorso prima che la malattia peggiorasse nei pazienti affetti da cancro della mammella HR-positivo e HER2-negativo in stato avanzato o diffuso.
Per quanto concerne gli effetti indesiderati del medicinale, la preoccupazione principale è costituita dagli elevati livelli di glicemia che possono cagionare diabete e problemi intestinali. ( Xagena2020 )
Fonte: EMA, 2020

Gyne2020 Onco2020 Farma2020




Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Le donne con emicrania presentano un aumentato rischio di ipertensione dopo la menopausa, ma da uno studio di coorte longitudinale...


Per le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore ormonale, la durata più efficace per la terapia...


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio...


Il vantaggio di estendere la terapia con inibitori dell'aromatasi oltre i 5 anni nel contesto di precedenti inibitori dell'aromatasi rimane...


La terapia endocrina primaria per il carcinoma duttale in situ ( DCIS ) come potenziale alternativa alla chirurgia è stata...


L'aggiunta della soppressione della funzione ovarica ( OFS ) per 5 anni al Tamoxifene per il trattamento dei pazienti in...


La durata ottimale della terapia estesa con inibitori dell'aromatasi nei pazienti con tumore mammario in postmenopausa è sconosciuta. Nello studio...