Rischio di fratture successive nelle donne in postmenopausa dopo fratture non-traumatiche o traumatiche


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio per future fratture, le attuali linee guida cliniche non affrontano le fratture traumatiche.

Si è determinato come varia il rischio di frattura futura a seconda che una frattura iniziale sia traumatica o non-traumatica.
È stato condotto uno studio osservazionale prospettico utilizzando i dati del Women's Health Initiative Study ( WHI; iscrizione, 1994-1998; analisi dei dati, 2020-2021 ), che ha arruolato donne in postmenopausa di età compresa tra 50 e 79 anni al basale presso 40 centri clinici statunitensi.

Il WHI Clinical Trials and WHI Bone Density Substudy, condotto in 3 centri clinici, ha chiesto alle partecipanti di segnalare il meccanismo delle fratture incidenti.
Delle 75.335 partecipanti, le informazioni relative alla frattura incidente e alle covariate erano disponibili per 66.874 ( 88.8% ), che costituivano il campione analitico di questo studio.
Il follow-up medio è stato di 8.1 anni.

Le fratture cliniche incidenti sono state auto-segnalate almeno una volta all'anno e confermate utilizzando le cartelle cliniche.
Le partecipanti hanno riportato il meccanismo della frattura incidente come traumatico o non-traumatico.

Tra i 66.874 partecipanti al campione analitico ( età media, 63.1 anni e 65.3 anni tra le donne senza e con frattura clinica, rispettivamente ), 7.142 partecipanti ( 10.7%) hanno subito fratture incidenti durante il periodo di follow-up. L'hazard ratio aggiustato ( aHR ) della frattura successiva dopo la frattura iniziale era 1.49.

. Tra le donne la cui frattura iniziale era traumatica, l'associazione tra frattura iniziale e frattura successiva era significativamente aumentata ( aHR, 1.25 ).
Tra le donne con frattura iniziale non-traumatica, anche l'associazione tra frattura iniziale e successiva frattura è risultata aumentata ( aHR, 1.52 ).
Gli intervalli di confidenza per le associazioni tra frattura iniziale e successiva frattura si sovrapponevano per gli strati di frattura iniziale traumatica e non-traumatica.

In questo studio di coorte, tra le donne in postmenopausa di età superiore ai 50 anni, la frattura è stata associata a un rischio maggiore di fratture successive indipendentemente dal fatto che la frattura fosse traumatica o non-traumatica.
Questi risultati hanno indicato che la valutazione clinica dell'osteoporosi dovrebbe includere sia le fratture ad alto trauma che quelle a basso trauma. ( Xagena2021 )

Crandall CJ et al, JAMA Intern Med 2021; 181: 1055-1063

Orto2021 Gyne2021



Indietro

Altri articoli

Le donne con emicrania presentano un aumentato rischio di ipertensione dopo la menopausa, ma da uno studio di coorte longitudinale...


Per le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore ormonale, la durata più efficace per la terapia...


Il vantaggio di estendere la terapia con inibitori dell'aromatasi oltre i 5 anni nel contesto di precedenti inibitori dell'aromatasi rimane...


La terapia endocrina primaria per il carcinoma duttale in situ ( DCIS ) come potenziale alternativa alla chirurgia è stata...


L'aggiunta della soppressione della funzione ovarica ( OFS ) per 5 anni al Tamoxifene per il trattamento dei pazienti in...


Piqray è un medicinale antitumorale usato per il trattamento di donne post-menopausali e uomini affetti da cancro della mammella localmente...


La durata ottimale della terapia estesa con inibitori dell'aromatasi nei pazienti con tumore mammario in postmenopausa è sconosciuta. Nello studio...


L'obesità è associata a un aumentato rischio di tumore alla mammella, incluso il sottotipo positivo al recettore dell'estrogeno ( ER+...


Sebbene le linee guida internazionali supportino la somministrazione di terapie ormonali con o senza terapie mirate in donne in postmenopausa...