Studio MONALEESA-3: pazienti in postmenopausa con carcinoma mammario avanzato HR+/HER2- trattate con Fulvestrant più Ribociclib


Lo studio di fase III MONALEESA-3 ha valutato Ribociclib ( Kisqali ), un inibitore della chinasi 4/6 ( CDK4/6 ) ciclina-dipendente, più Fulvestrant ( Faslodex ) come trattamento di prima linea ( 1L ) o seconda linea ( 2L ) per le pazienti in postmenopausa con carcinoma mammario avanzato HR+/HER2−.

Sono stati riportati i risultati di sopravvivenza globale ( OS ) e di sopravvivenza libera da progressione ( PFS) nel trattamento di prima linea.

Le pazienti in postmenopausa con carcinoma mammario avanzato HR+/HER2- sono state randomizzate in un rapporto 2:1 per ricevere Ribociclib + Fulvestrant oppure Placebo + Fulvestrant in prima e seconda linea.

Al cut-off dei dati ( 3 giugno 2019 ), 153 pazienti erano ancora in trattamento ( Ribociclib, n = 121 [ 25.0% ]; Placebo, n = 32 [ 13.2% ] ); la sopravvivenza globale è stata valutata dopo 275 decessi ( Ribociclib, 167 [ 34.5% ]; Placebo, 108 [ 44.6% ] ).

Il follow-up mediano è stato di 39.4 mesi.

La combinazione Ribociclib più Fulvestrant ha dimostrato un prolungamento della sopravvivenza globale statisticamente significativa rispetto a Placebo + Fulvestrant ( mediana, NR [ non-raggiunta ] vs 40.0 mesi; hazard ratio, HR, 0.724, IC al 95%, 0.568-0.924, P = 0.00455 ).

Il beneficio complessivo in termini di sopravvivenza con Ribociclib versus Placebo è stato coerente in tutti i sottogruppi, incluso il sottogruppo di prima linea ( mediana, NR contro 45.1 mesi; HR, 0.700 [ IC 95%, 0.479-1.021 ] ) e il sottogruppo recidiva precoce / seconda linea ( mediana, 40.2 vs 32.5 mesi; HR, 0.730 [ IC 95%, 0.530-1.004 ] ).

Nei pazienti in trattamento di prima linea, la sopravvivenza libera da progressione mediana ( analisi descrittiva ) con Ribociclib + Fulvestrant rispetto a Placebo + Fulvestrant è stata di 33.6 contro 19.2 mesi ( HR, 0.546 [ IC al 95%, 0.415-0.718 ] ).

Anche il tempo alla progressione della terapia a linea successiva o morte ( PFS2 ) è stato più lungo con Ribociclib vs Placebo ( mediana, 39.8 vs 29.4 mesi; HR, 0.670 [ IC 95%, 0.542-0.830 ] ).

Il profilo di sicurezza era coerente con le analisi precedentemente pubblicate.

In conclusione, c'è stato un prolungamento statisticamente significativo della sopravvivenza globale con Ribociclib su Placebo, che è stato coerente in tutti i sottogruppi.
La sopravvivenza mediana libera da progressione con Ribociclib in ambiente di prima linea è la più lunga riportata in uno studio di fase III nel carcinoma mammario avanzato HR+/HER2-.
Questi dati, combinati con i risultati di MONALEESA-7, hanno confermato il beneficio di Ribociclib con molteplici partner di combinazione nei pazienti in pre- e post-menopausa e supportano Ribociclib come inibitore raccomandato di CDK4/6 come trattamento di prima e seconda linea nelle pazienti con cancro alla mammella HR+/HER2- in fase avanzata. ( Xagena2019 )

Fonte: ESMO ( European Society of Medical Oncology ) Meeting, 2019

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Le donne con emicrania presentano un aumentato rischio di ipertensione dopo la menopausa, ma da uno studio di coorte longitudinale...


Per le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore ormonale, la durata più efficace per la terapia...


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio...


Il vantaggio di estendere la terapia con inibitori dell'aromatasi oltre i 5 anni nel contesto di precedenti inibitori dell'aromatasi rimane...


La terapia endocrina primaria per il carcinoma duttale in situ ( DCIS ) come potenziale alternativa alla chirurgia è stata...


L'aggiunta della soppressione della funzione ovarica ( OFS ) per 5 anni al Tamoxifene per il trattamento dei pazienti in...


Piqray è un medicinale antitumorale usato per il trattamento di donne post-menopausali e uomini affetti da cancro della mammella localmente...


La durata ottimale della terapia estesa con inibitori dell'aromatasi nei pazienti con tumore mammario in postmenopausa è sconosciuta. Nello studio...


L'obesità è associata a un aumentato rischio di tumore alla mammella, incluso il sottotipo positivo al recettore dell'estrogeno ( ER+...


Sebbene le linee guida internazionali supportino la somministrazione di terapie ormonali con o senza terapie mirate in donne in postmenopausa...