Trattamento endocrino rispetto alla chemioterapia nelle donne in postmenopausa con tumore al seno metastatico HR-positivo, HER2-negativo


Sebbene le linee guida internazionali supportino la somministrazione di terapie ormonali con o senza terapie mirate in donne in postmenopausa con tumore mammario metastatico HER2-negativo, positivo ai recettori ormonali ( HR+ ), l'uso iniziale della chemioterapia rimane comune anche in assenza di crisi viscerali.
Poiché i trattamenti di prima linea o di seconda linea, o entrambi, basati sulla chemioterapia e sulla terapia ormonale sono stati poco studiati in studi controllati randomizzati testa-a-testa, sono stati confrontati questi due diversi approcci.

È stata fatta una revisione sistematica e una meta-analisi a rete ( network ) con una ricerca sistematica della letteratura.
Sono stati inclusi tutti gli studi randomizzati controllati di fase 2 e 3 che hanno studiato la chemioterapia con o senza terapie mirate e terapie ormonali con o senza terapie mirate come trattamenti di prima linea o di seconda linea, o entrambi, in donne in postmenopausa con carcinoma mammario metastatico HR-positivo, HER2- negativo, pubblicati tra il 2000 e il 2017.

È stata effettuata una meta-analisi per confrontare gli hazard ratio ( HR ) per la sopravvivenza libera da progressione ( esito primario ) e per confrontare gli odds ratio ( OR ) per la percentuale di pazienti con una risposta globale ( esito secondario ).
Tutti i trattamenti sono stati confrontati con Anastrozolo e Palbociclib più Letrozolo.

Sono stati inclusi nell'analisi 140 studi ( 50.029 pazienti ). Palbociclib più Letrozolo ( HR 0.42 ), Ribociclib più Letrozolo ( 0.43 ), Abemaciclib più Anastrozolo o Letrozolo ( 0.42 ), Palbociclib più Fulvestrant ( 0.37 ), Ribociclib più Fulvestrant ( 0.48 ), Abemaciclib più Fulvestrant ( 0.44 ), Everolimus più Exemestane ( 0.42 ) e, in pazienti con mutazione PIK3CA, Alpelisib più Fulvestrant ( 0.39 ) e diversi regimi a base di chemioterapia, inclusi antraciclina e regimi contenenti taxano, sono stati associati a una migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto al solo Anastrozolo.

Nessun regime di chemioterapia o terapia ormonale è risultato significativamente migliore di Palbociclib più Letrozolo per la sopravvivenza libera da progressione.

Paclitaxel più Bevacizumab è stato l'unico regime clinicamente rilevante significativamente migliore rispetto a Palbociclib più Letrozolo in termini di percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta complessiva ( OR 8.95 ).

Nell'impostazione di prima o seconda linea, gli inibitori CDK 4/6 e le terapie ormonali sono migliori delle terapie ormonali standard in termini di sopravvivenza libera da progressione.
Inoltre, nessun regime di chemioterapia con o senza terapia mirata è significativamente migliore degli inibitori CDK 4/6 e delle terapie ormonali in termini di sopravvivenza libera da progressione.

I dati supportano le raccomandazioni delle linee guida per il trattamento con le nuove combinazioni di terapie ormonali più terapie mirate come trattamenti di prima linea o di seconda linea, o in entrambi i contesti, nelle donne con tumore alla mammella metastatico HER2-negativo, positivo ai recettori ormonali. ( Xagena2019 )

Giuliano M et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1360-1369

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Le donne con emicrania presentano un aumentato rischio di ipertensione dopo la menopausa, ma da uno studio di coorte longitudinale...


Per le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore ormonale, la durata più efficace per la terapia...


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio...


Il vantaggio di estendere la terapia con inibitori dell'aromatasi oltre i 5 anni nel contesto di precedenti inibitori dell'aromatasi rimane...


La terapia endocrina primaria per il carcinoma duttale in situ ( DCIS ) come potenziale alternativa alla chirurgia è stata...


L'aggiunta della soppressione della funzione ovarica ( OFS ) per 5 anni al Tamoxifene per il trattamento dei pazienti in...


Piqray è un medicinale antitumorale usato per il trattamento di donne post-menopausali e uomini affetti da cancro della mammella localmente...


La durata ottimale della terapia estesa con inibitori dell'aromatasi nei pazienti con tumore mammario in postmenopausa è sconosciuta. Nello studio...