Pazienti oncologici: il trattamento con Zaltrap associato a rischio di osteonecrosi della mandibola / mascella, soprattutto quando somministrato contemporaneamente ai bifosfonati


Gli operatori sanitari sono stati informati riguardo a:

• casi di osteonecrosi della mandibola / mascella ( ONJ – OsteoNecrosis of the Jaw ) sono stati riportati in pazienti oncologici trattati con Zaltrap ( Aflibercept );

• molti di questi pazienti avevano ricevuto una terapia concomitante con bifosfonati per via endovenosa, per i quali l'osteonecrosi è un rischio identificato;

• il trattamento con Zaltrap può costituire un fattore di rischio aggiuntivo per lo sviluppo di osteonecrosi della mandibola / mascella;

• tale rischio deve essere considerato, in particolare, quando Zaltrap e i bifosfonati sono somministrati in concomitanza o in sequenza per via endovenosa;

• le procedure odontoiatriche invasive costituiscono anch’esse un fattore di rischio noto di osteonecrosi della mandibola / mascella. Va considerata l’opportunità di una visita odontoiatrica e di appropriate procedure odontoiatriche preventive prima di iniziare il trattamento con Zaltrap;

• nei pazienti trattati con Zaltrap che hanno precedentemente ricevuto, o stanno ricevendo, bifosfonati per via endovenosa, devono essere evitate, se possibile, procedure odontoiatriche invasive.

Ulteriori informazioni e raccomandazioni sugli aspetti di sicurezza:

Aflibercept, in combinazione con Irinotecan / 5-Fluorouracile / Acido folinico secondo lo schema FOLFIRI, è indicato nel trattamento chemioterapico degli adulti con diagnosi di carcinoma colo rettale metastatico ( MCRC – metastatic colon-rectal cancer ) che è resistente o è progredito dopo un regime contenente Oxaliplatino.

Una recente metanalisi di 3 studi di fase 3 ( EFC10262/VELOUR, EFC10261/VITAL, EFC10547/VANILLA ) ha mostrato una frequenza globale di osteonecrosi della mandibola / mascella dello 0.2% ( 3 pazienti, N=1333 ) in pazienti trattati con Aflibercept e meno dello 0.1% ( 1 paziente, N=1329 ) in pazienti trattati con placebo.

Si stima che al 3 agosto 2015 Zaltrap sia stato somministrato a più di 22.700 pazienti oncologici a livello mondiale. Cumulativamente, fino al 3 agosto 2015, Sanofi ha ricevuto 8 segnalazioni post-marketing di osteonecrosi della mandibola / mascella nei pazienti trattati con Zaltrap.
Tre di questi casi erano associati all'uso concomitante di bifosfonati, per i quali l’osteonecrosi della mandibola / mascella costituisce un rischio identificato.
Tre casi avevano avuto una procedura dentale invasiva. Dei tre casi con procedura dentale invasiva, due stavano ricevendo, o avevano ricevuto, un bifosfonato. Nessuno dei casi ha avuto esito fatale.

Sulla base dei risultati degli studi clinici, della revisione dei casi segnalati, e di un potenziale effetto di classe degli agenti anti-angiogenici che agiscono sul pathway del VEGF, il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e Foglio Illustrativo sono stati aggiornati per includere nuove informazioni di sicurezza relativamente alla osteonecrosi della mandibola / mascella e per fornire raccomandazioni sulla gestione dei pazienti.

Le procedure odontoiatriche invasive costituiscono un fattore di rischio identificato di osteonecrosi della mandibola / mascella. Pertanto va considerata l’opportunità di una visita odontoiatrica e di appropriate procedure odontoiatriche preventive prima di iniziare il trattamento con Zaltrap.

Si deve esercitare cautela quando Zaltrap e bifosfonati per via endovenosa vengono somministrati in modo concomitante o sequenziale.

Nei pazienti trattati con Zaltrap che hanno precedentemente ricevuto, o stanno ricevendo, bifosfonati per via endovenosa, si devono evitare, se possibile, procedure odontoiatriche invasive. ( Xagena2016 )

Fonte: EMA, 2016

Onco2016 Endo2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

L'uso di corticosteroidi nei pazienti con lupus eritematoso sistemico ( SLE ) può essere un forte fattore di rischio per...


L'osteonecrosi della mandibola indotta dai bifosfonati [ BIONJ ] è una condizione patologica relativamente nuova che è stata descritta per...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato una revisione periodica di Aclasta ( Acido Zoledronico ), uno dei medicinali...


L’European Medicines Agency ( EMA ) con la collaborazione di Amgen ha informato gli operatori sanitari della nuova controindicazione in...


Il Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) ha completato la revisione periodica di uno dei...


L'osteonecrosi della mandibola da bifosfonati è una reazione avversa che consiste in una progressiva distruzione ossea a livello della regione...


I bifosfonati sono raccomandati nei pazienti con lesioni osteolitiche secondarie a mieloma multiplo. Sono stati riportati i risultati sulla sicurezza...


L’obiettivo di uno studio è stato quello di determinare l’incidenza globale e il rischio di osteonecrosi della mandibola ( ONJ...


L'osteonecrosi della mandibola ( ONJ ) è una lesione della mandibola rara ma grave, caratterizzata da osso necrotico esposto, ed...