177Lu-Dotatate più Octreotide ad azione prolungata rispetto a Octreotide ad alta dose ad azione prolungata nei pazienti con tumori neuroendocrini dell'intestino medio: studio NETTER-1


L'analisi primaria dello studio di fase 3 NETTER-1 ha mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) con 177Lu-Dotatate ( Lutathera ) più Octreotide a lunga durata d'azione ( Sandostatin LAR ) rispetto a Octreotide ad alta dose a lunga durata d'azione da solo nei pazienti con tumori neuroendocrini avanzati dell'intestino medio.

E' stata riportata l'analisi finale prespecificata della sopravvivenza globale e dei risultati di sicurezza a lungo termine.

Questo studio di fase 3, randomizzato, in aperto, ha arruolato pazienti da 41 siti in 8 Paesi in Europa e negli Stati Uniti. I pazienti erano di età pari o superiore a 18 anni con tumori neuroendocrini dell'intestino medio localmente avanzati o metastatici, ben differenziati, positivi al recettore della somatostatina ( punteggio Karnofsky performance status maggiore o uguale a 60 ) e progressione della malattia con Octreotide a dose fissa a lunga durata d'azione.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 177Lu-Dotatate 7.4 GBq ( 200 mCi ) per via endovenosa ogni 8 settimane ( 4 cicli ) più Octreotide intramuscolare a lunga durata d'azione 30 mg ( gruppo 177Lu-Dotatate ) o Octreotide a lunga durata d'azione ad alte dosi 60 mg ogni 4 settimane ( gruppo di controllo ).

L'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione era stato precedentemente riportato; qui viene riportato l'endpoint secondario chiave della sopravvivenza globale ( OS ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
L'analisi finale della sopravvivenza globale è stata prespecificata per verificarsi dopo 158 decessi o 5 anni dopo la randomizzazione dell'ultimo paziente, a seconda di quale evento si verificasse prima.

Durante il follow-up a lungo termine, eventi avversi di particolare interesse sono stati segnalati solo nel gruppo 177Lu-Dotatate.

Dal 2012 al 2016, 231 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al trattamento.
L'analisi finale prespecificata si è verificata 5 anni dopo l'assegnazione casuale dell'ultimo paziente ( quando si erano verificati 142 decessi ); il follow-up mediano è stato di 76.3 mesi nel gruppo 177Lu-Dotatate e di 76.5 mesi nel gruppo di controllo.

L'endpoint secondario di sopravvivenza globale non è stato raggiunto: la sopravvivenza globale mediana è stata di 48.0 mesi nel gruppo 177Lu-Dotatate e 36.3 mesi nel gruppo di controllo ( hazard ratio, HR=0.84; P=0.30 ).

Durante il follow-up a lungo termine, sono stati registrati eventi avversi gravi correlati al trattamento di grado 3 o maggiore in 3 dei 111 pazienti ( 3% ) nel gruppo 177Lu-Dotatate, ma non sono stati segnalati nuovi eventi avversi gravi correlati al trattamento dopo il cutoff dell'analisi di sicurezza.

In tutto 2 dei 111 pazienti ( 2% ) trattati con 177Lu-Dotatate hanno sviluppato una sindrome mielodisplastica, uno dei quali è morto 33 mesi dopo la randomizzazione ( questa è stata l'unica morte correlata al trattamento con 177Lu-Dotatate segnalata ).
Durante il follow-up a lungo termine non sono stati segnalati nuovi casi di sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta.

Il trattamento con 177Lu-Dotatate non ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale mediana rispetto all'Octreotide a lunga durata d'azione ad alte dosi.
Nonostante la sopravvivenza globale finale non abbia raggiunto la significatività statistica, la differenza di 11.7 mesi nella sopravvivenza globale mediana con il trattamento con 177Lu-Dotatate rispetto al solo Octreotide a lunga durata d'azione ad alte dosi potrebbe essere considerata clinicamente rilevante.
Non sono stati segnalati nuovi segnali di sicurezza durante il follow-up a lungo termine. ( Xagena2021 )

Strosberg JR et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1752-1763

Gastro2021 Onco2021 MalRar2021 Med2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Le terapie per i pazienti con tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) ben differenziati si sono ampliate ma rimangono inadeguate,...


Le terapie sistemiche approvate per i tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici ( GEP-NET ) avanzati hanno mostrato una capacità limitata di ridurre...


Surufatinib ha mostrato un'efficacia superiore nei tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici nello studio di fase 3 SANET-ep. In SANET-p,...


Le opzioni terapeutiche per i tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) sono limitate. Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza...


Attualmente sono disponibili terapie multiple per i pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ), ma molte terapie non sono state...


La combinazione Capecitabina - Temozolomide ( CAPTEM ) ha un'attività significativa nei pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ) pancreatici...


Molti differenti trattamenti sono indicati dalle lineeguida per il trattamento dei tumori neuroendocrini ( NET ) di grado 1-2 (...


Sebbene le chemioterapie che combinano 5-Fluorouracile ( 5FU ) e Dacarbazina ( DTIC ) oppure Temozolomide ( TEM ) e...


Nessun trattamento anti-angiogenico è ancora approvato per i tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici. Surufatinib, precedentemente chiamato Sulfatinib, è un...