177Lu-Dotatato per i tumori neuroendocrini dell’intestino tenue


I pazienti con tumori neuroendocrini dell’intestino tenue avanzati che hanno presentato progressione della malattia durante la terapia con analoghi della Somatostatina di prima linea hanno limitate opzioni terapeutiche.

Uno studio randomizzato e controllato ha valutato l'efficacia e la sicurezza di 177-Lutezio-Dotatato ( 177Lu-Dotatato ) [ Lutathera ] nei pazienti con tumori neuroendocrini dell’intestino tenue avanzati, progressivi, positivi ai recettori della Somatostatina.

Sono stati assegnati casualmente 229 pazienti che avevano tumori neuroendocrini dell’intestino tenue ben differenziati e metastatici a ricevere 177Lu-Dotatato ( n=116 ) a una dose di 7.4 GBq ogni 8 settimane ( 4 infusioni per via endovenosa, più le migliori cure di supporto, tra cui Octreotide a lunga durata d’azione ripetibile [ LAR ] somministrato per via intramuscolare a una dose di 30 mg, gruppo 177 Lu-Dotatato ) oppure Octreotide LAR da solo ( n=113 ) somministrato per via intramuscolare a una dose di 60 mg ogni 4 settimane ( gruppo di controllo ).

L’endpoint principale era la sopravvivenza libera da progressione. Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva, la sopravvivenza globale, la sicurezza e il profilo di effetti collaterali.
L'analisi finale della sopravvivenza globale sarà condotta in futuro.

Alla data di cutoff per l'analisi primaria, la percentuale stimata di sopravvivenza senza progressione al mese 20 è stata del 65.2% nel gruppo 177 Lu-Dotatato e del 10.8% nel gruppo di controllo.

La percentuale di risposta è stata del 18% nel gruppo 177 Lu-Dotatato rispetto al 3% nel gruppo di controllo ( P minore di 0.001 ).

Nell'analisi ad interim della sopravvivenza globale, si sono verificati 14 decessi nel gruppo 177 Lu-Dotatato e 26 nel gruppo di controllo ( P=0.004 ).

La neutropenia, la trombocitopenia e la linfopenia di grado 3 o 4 si sono verificate rispettivamente nell’1%, 2% e 9% dei pazienti nel gruppo 177 Lu-Dotatato rispetto a nessun paziente nel gruppo di controllo, senza alcuna evidenza di effetti tossici renali durante il periodo di tempo osservato.

In conclusione, il trattamento con 177 Lu-Dotatato ha determinato una sopravvivenza libera da progressione e un tasso di risposta significativamente più elevato rispetto a Octreotide LAR ad alta dose nei pazienti con tumori neuroendocrini avanzati dell’intestino tenue.
L’evidenza preliminare di un vantaggio globale di sopravvivenza è stata osservata in una analisi ad interim; saranno necessarie conferme nell'analisi finale prevista.
Una mielosoppressione clinicamente significativa si è verificata in meno del 10% dei pazienti nel gruppo 177 Lu-Dotatato. ( Xagena2017 )

Strosberg J et al, N Engl J Med 2017; 376: 125-135

Onco2017 Gastro2017 Farma2017 MalRar2017


Indietro

Altri articoli

Le terapie per i pazienti con tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) ben differenziati si sono ampliate ma rimangono inadeguate,...


L'analisi primaria dello studio di fase 3 NETTER-1 ha mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione ( PFS...


Le terapie sistemiche approvate per i tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici ( GEP-NET ) avanzati hanno mostrato una capacità limitata di ridurre...


Surufatinib ha mostrato un'efficacia superiore nei tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici nello studio di fase 3 SANET-ep. In SANET-p,...


Le opzioni terapeutiche per i tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) sono limitate. Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza...


Attualmente sono disponibili terapie multiple per i pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ), ma molte terapie non sono state...


La combinazione Capecitabina - Temozolomide ( CAPTEM ) ha un'attività significativa nei pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ) pancreatici...


Molti differenti trattamenti sono indicati dalle lineeguida per il trattamento dei tumori neuroendocrini ( NET ) di grado 1-2 (...


Sebbene le chemioterapie che combinano 5-Fluorouracile ( 5FU ) e Dacarbazina ( DTIC ) oppure Temozolomide ( TEM ) e...


Nessun trattamento anti-angiogenico è ancora approvato per i tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici. Surufatinib, precedentemente chiamato Sulfatinib, è un...