Esiti e tossicità dopo radioembolizzazione con Ittrio-90 per le metastasi epatiche da tumori neuroendocrini


La prognosi dei pazienti con metastasi epatiche da tumori neuroendocrini ( NET ) è generalmente buona e la radioembolizzazione con le microsfere di Ittrio-90 è una terapia locoregionale che viene utilizzata per migliorare il controllo della malattia epatica e la sopravvivenza.

Sono stati descritti i risultati di sopravvivenza e le tossicità associate alla radioembolizzazione per tumori NET metastatici con predominanza a livello epatico in una grande coorte da un singolo Centro.

In totale 59 pazienti sono stati sottoposti a radioembolizzazione per tumori NET metastatici con malattia predominante epatica in un singolo Centro accademico.
10 pazienti all'interno della coorte sono stati sottoposti ad analisi dosimetrica post-trattamento utilizzando PET-MRI; la dosimetria epatica normale è stata correlata con fibrosi epatica e tossicità.

La sopravvivenza globale mediana dal momento della radioembolizzazione nella coorte di pazienti era di 31 mesi e la sopravvivenza globale a 1 e 2 anni era rispettivamente dell'80.4% e del 65.6%.

La sopravvivenza libera da progressione epatica e la sopravvivenza libera da progressione complessiva, mediane, sono state rispettivamente di 18 e 13 mesi.

3 pazienti sono deceduti per insufficienza epatica probabilmente correlata alla terapia.

10 pazienti sono stati sottoposti a valutazione della dosimetria post-trattamento dopo radioembolizzazione.

Nei pazienti con assenza di epatotossicità o fibrosi epatica, la dose media al fegato normale era di 25.4 Gy, mentre la dose epatica media nei pazienti che presentavano tossicità ( fibrosi epatica in 2 e morte per insufficienza epatica in 1 ) era di 59.1 Gy.

In conclusione, la sopravvivenza globale dopo radioembolizzazione per metastasi epatiche da tumori neuroendocrini è eccellente; tuttavia, sono stati osservati decessi potenzialmente correlati al trattamento.
Dati preliminari riguardanti la dose al fegato normale suggeriscono una relazione tra dosimetria e tossicità, tuttavia è necessario un ulteriore lavoro per chiarire ulteriormente il meccanismo, la correlazione con la dosimetria, oltre a fattori aggiuntivi del paziente e del tumore che possono predisporre alla tossicità. ( Xagena2019 )

Zuckerman DA et al, J Gastrointest Oncol 2019; 10: 118-127

Onco2019 Gastro2019 Farma2019 MalRar2019 Med2019


Indietro

Altri articoli

Le terapie per i pazienti con tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) ben differenziati si sono ampliate ma rimangono inadeguate,...


L'analisi primaria dello studio di fase 3 NETTER-1 ha mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione ( PFS...


Le terapie sistemiche approvate per i tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici ( GEP-NET ) avanzati hanno mostrato una capacità limitata di ridurre...


Surufatinib ha mostrato un'efficacia superiore nei tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici nello studio di fase 3 SANET-ep. In SANET-p,...


Le opzioni terapeutiche per i tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) sono limitate. Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza...


Attualmente sono disponibili terapie multiple per i pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ), ma molte terapie non sono state...


La combinazione Capecitabina - Temozolomide ( CAPTEM ) ha un'attività significativa nei pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ) pancreatici...


Molti differenti trattamenti sono indicati dalle lineeguida per il trattamento dei tumori neuroendocrini ( NET ) di grado 1-2 (...


Sebbene le chemioterapie che combinano 5-Fluorouracile ( 5FU ) e Dacarbazina ( DTIC ) oppure Temozolomide ( TEM ) e...


Nessun trattamento anti-angiogenico è ancora approvato per i tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici. Surufatinib, precedentemente chiamato Sulfatinib, è un...