Trattamento con Lanreotide depot dopo Octreotide a rilascio prolungato nei pazienti con tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici


Sono stati esaminati i pazienti con tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici ( GEP-NET ) metastatici che ricevevano un trattamento sequenziale con analoghi della Somatostatina.

Una revisione retrospettiva delle cartelle cliniche ha esaminato la tollerabilità di Lanereotide depot / autogel e l'efficacia tra i pazienti GEP-NET che hanno ricevuto Lanreotide dopo Octreotide a rilascio prolungato ( LAR ) presso il Tufts University Medical Center ( Stati Uniti ).

Le informazioni ottenute includevano le caratteristiche del paziente, il dosaggio, gli eventi avversi, la risposta radiologica e i marcatori biochimici.

I pazienti ( n=16, 43-81 anni, età media, 64.25 anni, 11 donne ) con GEP-NET non-funzionale, di basso grado, trattati con Octreotide LAR 30-60 mg sono passati a Lanreotide a causa di una decisione del paziente ( n=6 ), progressione della malattia ( n=6 ), eventi avversi ( n=2 ), scarsa tolleranza ( n=1 ) e disagio / dolore con l'iniezione ( n=1 ).

Le dosi di Lanreotide sono iniziate a 120 mg ( n=13 ), 90 mg ( n= 1 ) o 60 mg ( n=2 ); 8 pazienti hanno ricevuto terapie concomitanti, per lo più epatiche ( ablazione / radioembolizzazione con radiofrequenza ).

Gli eventi avversi associati a Lanreotide sperimentati da 2 o più pazienti sono stati affaticamento, diarrea, nausea, ipertensione, deficit di enzimi pancreatici e iperglicemia.

Le risposte al trattamento radiologico della combinazione di Lanreotide con altre modalità terapeutiche includevano risposta completa ( n=1 ), risposta parziale ( n=5 ) e malattia stabile ( n=9 ).
Un paziente ha presentato progressione radiologica.

I livelli sierici di serotonina e cromogranina sono diminuiti, ma i livelli urinari di acido 5-idrossi-indolacetico ( 5-HIAA ) sono risultati relativamente invariati.

In conclusione, tra i pazienti GEP-NET post-Octreotide, compresi quelli con progressione della malattia o scarsa tolleranza a Octreotide, il Lanreotide da solo o con terapie concomitanti è risultato ben tollerato e associato a risposte radiologiche. ( Xagena2018 )

Saif MW et al, J Pancreat Cancer 2018; 4: 64-71

Onco2018 Gastro2018 Farma2018 MalRar2018 Med2018


Indietro

Altri articoli

Le terapie per i pazienti con tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) ben differenziati si sono ampliate ma rimangono inadeguate,...


L'analisi primaria dello studio di fase 3 NETTER-1 ha mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione ( PFS...


Le terapie sistemiche approvate per i tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici ( GEP-NET ) avanzati hanno mostrato una capacità limitata di ridurre...


Surufatinib ha mostrato un'efficacia superiore nei tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici nello studio di fase 3 SANET-ep. In SANET-p,...


Le opzioni terapeutiche per i tumori neuroendocrini avanzati ( NET ) sono limitate. Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza...


Attualmente sono disponibili terapie multiple per i pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ), ma molte terapie non sono state...


La combinazione Capecitabina - Temozolomide ( CAPTEM ) ha un'attività significativa nei pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ) pancreatici...


Molti differenti trattamenti sono indicati dalle lineeguida per il trattamento dei tumori neuroendocrini ( NET ) di grado 1-2 (...


Sebbene le chemioterapie che combinano 5-Fluorouracile ( 5FU ) e Dacarbazina ( DTIC ) oppure Temozolomide ( TEM ) e...


Nessun trattamento anti-angiogenico è ancora approvato per i tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici. Surufatinib, precedentemente chiamato Sulfatinib, è un...