Effetti della Teriparatide sulle variabili corticali istomorfometriche in donne in postmenopausa con o senza precedente trattamento con Alendronato


L’osso corticale, l'elemento dominante dello scheletro umano per volume, svolge un ruolo chiave nella protezione delle ossa dalle fratture.

Un gruppo di ricercatori ha analizzato gli effetti sull’osso corticale del trattamento con Teriparatide ( Forteo / Forsteo ) in donne in postmenopausa con osteoporosi, che avevano precedentemente ricevuto una terapia a lungo termine con Alendronato ( Fosamax ) o erano naïve al trattamento.

Le biopsie della cresta iliaca con marcatura con Tetraciclina, ottenute da 29 donne pretrattate con Alendronato e 16 donne naïve al trattamento, sono state valutate per i parametri istomorfometrici dinamici di formazione ossea relativamente ai compartimenti dell’osso periostale, endocorticale e intracorticale, prima e dopo 24 mesi di trattamento con Teriparatide.

Al basale, la frequenza dei campioni senza alcuna marcatura con Tetraciclina a livello endocorticale e periostale e la percentuale di osteoni quiescenti è stata più alta nel gruppo Alendronato, rispetto al gruppo naïve al trattamento.

La superficie mineralizzante endocorticale e periostale ( MS/BS% ), il tasso di formazione dell’osso periostale ( BFR/BS ), il tasso di apposizione minerale ( MAR ) e il numero di osteoni intracorticali in formazione si sono rivelati significativamente più bassi nelle pazienti pretrattate con Alendronato rispetto al gruppo naïve al trattamento.

Dopo trattamento con Teriparatide, la frequenza di biopsie endocorticali e periostali non-marcate è diminuita.
Nel gruppo pretrattato con Alendronato la percentuale di osteoni quiescenti è diminuita e, al contrario, sono aumentati gli osteoni in formazione e in riassorbimento.

Il trattamento con Teriparatide ha comportato un aumento significativo del tasso di apposizione minerale nel comparto endocorticale e di MS/BS% nel comparto periostale nel gruppo pretrattato con Alendronato.
La maggior parte degli indici di formazione ossea sono rimasti più bassi nel gruppo pretrattato con Alendronato rispetto al gruppo naïve al trattamento alla fine dello studio.

Lo spessore della parete endocorticale è aumentato sia nel gruppo pretrattato con Alendronato sia nel gruppo naïve al trattamento.
La porosità corticale e lo spessore corticale sono risultati significativamente aumentati nel gruppo pretrattato con Alendronato dopo il trattamento con Teriparatide.

I risultati indicano che un trattamento di 24 mesi con Teriparatide aumenta la formazione dell'osso corticale e il turnover corticale nelle pazienti naïve al trattamento o che avevano seguito una precedente terapia con Alendronato. ( Xagena2014 )

Ma YL et al, Bone 2014; 59: 139-147

Endo2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Romosozumab è un anticorpo monoclonale che lega e inibisce la sclerostina, aumenta la formazione ossea e diminuisce il riassorbimento osseo. Sono...


Denosumab ( Prolia ) ha dimostrato di ridurre le nuove fratture vertebrali, non-vertebrali e dell'anca nelle donne in postmenopausa con...


L'osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria. Alendronato una volta alla settimana migliora...


Per le donne con osteoporosi, il tasso di fratture vertebrali a livelli adiacenti è relativamente basso, con ridotta probabilità con...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) induce la perdita di densità minerale ossea ( BMD ) e aumenta...


Uno studio osservazionale ha mostrato che dopo 2 anni, sia Risedronato ( Actonel ) sia Alendronato ( Fosamax ) hanno...


Merck, nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha annunciato i risultati di uno studio...


Alendronato ( Fosamax ) è un potente bifosfonato con una prolungata durata d’azione. Recenti report hanno trovato che nei...


I bifosfonati diminuiscono il riassorbimento osseo e sono comunemente utilizzati per trattare o prevenire l’osteoporosi.Tuttavia, l’effetto dei bifosfonati sulle loro...