Romosozumab o Alendronato per la prevenzione delle fratture nelle donne con osteoporosi


Romosozumab è un anticorpo monoclonale che lega e inibisce la sclerostina, aumenta la formazione ossea e diminuisce il riassorbimento osseo.

Sono state arruolate 4.093 donne in post-menopausa con osteoporosi e una frattura da fragilità e sono state assegnate casualmente a ricevere Romosozumab sottocutaneo mensile ( 210 mg ) o Alendronato orale settimanale ( 70 mg ) in cieco per 12 mesi, seguito da Alendronato ( Fosamax )in aperto in entrambi i gruppi.

Gli endpoint primari erano l'incidenza cumulativa di una nuova frattura vertebrale a 24 mesi e l'incidenza cumulativa di frattura clinica ( fratture vertebrali e non-vertebrali sintomatiche ) al momento dell'analisi primaria ( dopo che le fratture cliniche erano state confermate in più di 330 pazienti ).
Gli endpoint secondari comprendevano l'incidenza di fratture non-vertebrali e dell'anca al momento dell'analisi primaria.
Sono stati esaminati gli eventi avversi cardiovascolari gravi, l’osteonecrosi della mascella e le fratture femorali atipiche.

In un periodo di 24 mesi, è stato osservato un rischio inferiore del 48% di nuove fratture vertebrali nel gruppo Romosozumab - Alendronato ( 6.2%, 127 su 2.046 pazienti ), rispetto al gruppo Alendronato - Alendronato ( 11.9%, 243 su 2.047 pazienti ) ( P minore di 0.001 )

 Fratture cliniche si sono verificate in 198 pazienti su 2.046 ( 9.7% ) nel gruppo Romosozumab - Alendronato rispetto a 266 pazienti su 2.047 ( 13.0% ) nel gruppo Alendronato - Alendronato, con un rischio inferiore del 27% con Romosozumab ( P minore di 0.001 ).

Il rischio di fratture non-vertebrali è stato inferiore del 19% nel gruppo Romosozumab - Alendronato rispetto al gruppo Alendronato - Alendronato ( 178 su 2.046 pazienti, 8.7%, vs 217 su 2.047 pazienti, 10.6%; P=0.04 ) e il rischio di frattura dell'anca è stato inferiore del 38% ( 41 su 2.046 pazienti, 2.0%, vs 66 su 2.047 pazienti, 3.2%; P=0.02 ).

Gli eventi avversi generali e gli eventi avversi gravi sono risultati bilanciati tra i due gruppi.

Durante l'anno 1, eventi avversi cardiovascolari gravi sono stati osservati più spesso con Romosozumab che con Alendronato ( 50 su 2.040 pazienti, 2.5%, vs 38 su 2.014 pazienti, 1.9% ).
Durante il periodo con Alendronato in aperto, sono stati osservati eventi di osteonecrosi della mandibola ( 1 evento ciascuno nei gruppi Romosozumab - Alendronato e Alendronato - Alendronato ) e frattura femorale atipica ( 2 eventi e 4 eventi, rispettivamente ).

In conclusione, nelle donne in postmenopausa con osteoporosi ad alto rischio di frattura, il trattamento con Romosozumab per 12 mesi seguito da Alendronato ha comportato un rischio di frattura significativamente inferiore rispetto al solo Alendronato. ( Xagena2017 )

Saag KG et al, N Engl J Med 2017; 377: 1417-1427

Endo2017 Gyne2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Denosumab ( Prolia ) ha dimostrato di ridurre le nuove fratture vertebrali, non-vertebrali e dell'anca nelle donne in postmenopausa con...


L’osso corticale, l'elemento dominante dello scheletro umano per volume, svolge un ruolo chiave nella protezione delle ossa dalle fratture. Un...


L'osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria. Alendronato una volta alla settimana migliora...


Per le donne con osteoporosi, il tasso di fratture vertebrali a livelli adiacenti è relativamente basso, con ridotta probabilità con...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) induce la perdita di densità minerale ossea ( BMD ) e aumenta...


Uno studio osservazionale ha mostrato che dopo 2 anni, sia Risedronato ( Actonel ) sia Alendronato ( Fosamax ) hanno...


Merck, nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha annunciato i risultati di uno studio...


Alendronato ( Fosamax ) è un potente bifosfonato con una prolungata durata d’azione. Recenti report hanno trovato che nei...


I bifosfonati diminuiscono il riassorbimento osseo e sono comunemente utilizzati per trattare o prevenire l’osteoporosi.Tuttavia, l’effetto dei bifosfonati sulle loro...