Associazione di Aspirina con carcinoma epatocellulare e mortalità epato-correlata


Sono necessarie ulteriori informazioni sugli effetti a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio ( 160 mg o meno ) su carcinoma epatocellulare incidente, mortalità epatica correlata e sanguinamento gastrointestinale in persone con infezione cronica da virus dell'epatite B o dell'epatite C ( HBV, HCV ).

Utilizzando registri svedesi a livello nazionale, sono stati identificati tutti gli adulti che hanno ricevuto una diagnosi di epatite B o epatite C cronica nel periodo 2005-2015 e che non avevano una storia di utilizzo di Aspirina ( 50.275 pazienti ).

I pazienti che stavano iniziando a prendere Aspirina a basso dosaggio ( 14.205 pazienti ) sono stati identificati dalle loro prime prescrizioni per 90 o più dosi consecutive di Aspirina ed è stato stimato il rischio di carcinoma epatocellulare e mortalità epatica, tenendo conto degli eventi concorrenti.

Con una mediana di 7.9 anni di follow-up, l'incidenza cumulativa stimata di carcinoma epatocellulare è stata del 4.0% tra gli utilizzatori di Aspirina e dell'8.3% tra i non-utilizzatori di Aspirina ( differenza, −4.3 punti percentuali; hazard ratio aggiustato, aHR=0.69 ).

Questa associazione inversa è sembrata essere dipendente dalla durata; rispetto all'utilizzo a breve termine ( da 3 mesi a meno di 1 anno ), gli hazard ratio aggiustati sono stati 0.90 per 1 anno fino a meno di 3 anni di utilizzo, 0.66 da 3 a meno di 5 anni di utilizzo e 0.57 per 5 o più anni di utilizzo.

La mortalità correlata al fegato a 10 anni è stata dell'11.0% tra gli utilizzatori di Aspirina e del 17.9% tra i non-utilizzatori ( differenza, -6.9 punti percentuali; aHR=0.73 ).
Tuttavia, il rischio a 10 anni di sanguinamento gastrointestinale non differiva significativamente tra gli utilizzatori e i non-utilizzatori di Aspirina ( rispettivamente 7.8% e 6.9%; differenza, 0.9 punti percentuali ).

In uno studio nazionale su pazienti con epatite virale cronica in Svezia, l'uso di Aspirina a basso dosaggio è stato associato a un rischio significativamente più basso di carcinoma epatocellulare e mortalità epatica inferiore rispetto a nessun uso di Aspirina, senza un rischio significativamente più elevato di sanguinamento gastrointestinale. ( Xagena2020 )

Simon TG et al, N Engl J Med 2020; 382: 1018-1028

Onco2020 Gastro2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

E' stata valutata e confrontata l'efficacia dell'impiego a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio per la...


La sindrome di Lynch è associata ad un aumentato rischio di tumore del colon-retto e a uno spettro più ampio...


L'impiego di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio è apparso associato a un rischio significativamente più basso di...


Lo studio COMPASS ( Cardiovascular Outcomes for People using Anticoagulation Strategies ) ha dimostrato che l'inibizione a doppia via (...


La nascita pretermine rimane una causa comune di mortalità neonatale, con un onere sproporzionatamente elevato nei Paesi a basso e...


Dallo studio THALES è emerso che Ticagrelor ( Brilique ) più Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) ha ridotto il rischio...


L'uso dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) nella BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) è stato associato a una ridotta mortalità...


I test immunochimici fecali per l'emoglobina sono ampiamente utilizzati per lo screening del tumore del colon-retto ( CRC ). Studi...


Si è determinato se i disturbi ipertensivi della gravidanza aumentino il rischio di ictus a lungo termine nelle donne nel...