Sindrome da astinenza neonatale dopo esposizione a Metadone o Buprenorfina


Il Metadone ( Eptadone ), un agonista completo dei mu-oppioidi, è il trattamento raccomandato per il trattamento della dipendenza da oppioidi in gravidanza.

Tuttavia, l'esposizione prenatale a Metadone è associata alla sindrome da astinenza neonatale caratterizzata da iperirritabilità del sistema nervoso centrale e disfunzione del sistema nervoso autonomo, che spesso richiede un trattamento e prolungati ricoveri in ospedale.

La Buprenorfina ( Temgesic ), un agonista parziale dei mu-oppioidi, è un trattamento alternativo per la dipendenza da oppioidi ma non è stato studiato in maniera estesa in gravidanza.

In uno studio in doppio cieco, a dosi flessibili, randomizzato e controllato sono stati confrontati Buprenorfina e Metadone nel trattamento di 175 donne in gravidanza con dipendenza da oppioidi in 8 Centri internazionali.

Gli esiti primari erano il numero di neonati che hanno avuto bisogno di un trattamento per la sindrome da astinenza neonatale, il picco di punteggio per tale sindrome, la dose totale di Morfina necessaria per trattare la sindrome, la lunghezza della permanenza in ospedale dei neonati e la loro circonferenza cranica.

In totale, 16 delle 89 donne del gruppo Metadone ( 18% ) e 28 delle 86 in quello Buprenorfina ( 33% ) hanno interrotto il trattamento.

Un confronto dei 131 neonati le cui madri sono state seguite fino alla fine della gravidanza in accordo al gruppo di trattamento ( 58 neonati esposte a Buprenorfina e 73 a Metadone ) ha mostrato che il primo gruppo ha avuto bisogno di una quantità significativamente più bassa di Morfina ( dose media: 1.1 mg vs 10.4 mg; P minore di 0.0091 ), ha mostrato una durata del ricovero ospedaliero significativamente più breve ( 10.0 giorni vs 17.5 giorni; P minore di 0.0091 ) e una durata significativamente più breve del trattamento dei bambini per sindrome da astinenza neonatale ( 4.1 giorni vs 9.9 giorni; P minore di 0.003125 ) ( P calcolati in accordo con soglie di significatività prespecificate ).

Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi per quanto riguarda altri esiti primari o secondari o nei tassi di eventi materni neonatali o materni.

In conclusione, questi risultati sono consistenti con l'uso di Buprenorfina come trattamento accettabile per la dipendenza da oppioidi nelle donne in gravidanza. ( Xagena2010 )

Jones HE et al, N Engl J Med 2010; 363: 2320-2331



Farma2010 Gyne2010 Psyche2010





Indietro

Altri articoli

RBP-6000, indicato come Buprenorfina XR ( Buprenorfina a rilascio prolungato [ BUP-XR ]; Sixmo ), è un trattamento con Buprenorfina...


Naltrexone a rilascio prolungato ( XR-NTX; Vivitrol ), un antagonista oppioide, e Buprenorfina - Naloxone sublinguale ( BUP-NX; Suboxone ),...


Naltrexone a rilascio prolungato ( XR-NTX; Vivitrol ), un antagonista oppioide, e Buprenorfina - Naloxone sublinguale ( BUP-NX; Suboxone ),...


La dipendenza da oppiacei è una malattia cronica curabile in contesti di assistenza primaria con Buprenorfina ( Subutex ), ma...


I limiti degli attuali trattamenti farmacologici per la dipendenza da oppioidi includono bassa aderenza, uso improprio dei farmaci ( la...


Le persone che si drogano, e che dissolvono o iniettano compresse di Buprenorfina ( Subutex ) per via parenterale, potrebbero...


L’astinenza controllata è un passo necessario prima del trattamento libero da droga o come endpoint del trattamento di sostituzione.I Ricercatori...


Il trattamento continuativo con l’associazione Buprenorfina e Naloxone ( Suboxone ) migliora gli outcome ( esiti ) nei giovani con...


Il trattamento usuale nella dipendenza da oppioidi in età giovanile è rappresentato dalla detossificazione e dal counseling.Uno studio ha valutato...