Predittori di remissione di iperprolattinemia dopo sospensione nel lungo periodo della terapia con Cabergolina


Percentuali di remissione del 76, 69,5 e del 64,3% sono state riportate nei pazienti con iperprolattinemia non-tumorale, microprolattinoma e macroprolattinoma, rispettivamente, 2-5 anni dopo interruzione del trattamento con Cabergolina ( Dostinex ).

L’obiettivo dei Ricercatori dell’Università Federico II di Napoli è stato quello di determinare la percentuale stimata di recidiva a 24-96 mesi dopo l’interruzione della Cabergolina.

Lo studio osservazionale, prospettico, ha riguardato 221 pazienti con iperprolattinemia ( 173 donne; 27 con iperprolattinemia non-tumorale, 115 con microprolattinoma e 79 con macroprolattinoma ), non trattati in precedenza.

La recidiva di iperprolattinemia è stata del 25.9, 33.9 e del 53.1% nei pazienti, rispettivamente, con iperprolattinemia non-tumorale, microprolattinomi o macroprolattinomi.

E’ stato osservato che il cut-off ottimale dei livelli nadir di prolattina alla sospensione della terapia era di 162 mU/l ( 5.4 microg/l ) e quello del diametro massimo tumorale di 3,1 mm.

I pazienti che hanno raggiunto i livelli nadir minori o uguali a 162 mU/l ed il diametro massimo tumorale minore o uguale a 3,1 mm ( n=111 ) alla sospensione della Cabergolina presentavano una stima secondo Kaplan-Meier di recidiva di iperprolattinemia significativamente più bassa ( 20% ) a 24-96 mesi, rispetto a coloro che non avevano incontrato questi criteri ( n=38; p
I pazienti che hanno raggiunto i livelli nadir di prolattina inferiori o uguali a 162 mU/l ( n=26 ) o diametro massimo tumorale inferiore o uguale a 3,1 mm durante trattamento con Cabergolina, hanno presentato una percentuale di recidiva stimata di iperprolattinemia del 50 e del 56%, rispettivamente.

La remissione persistente di iperprolattinemia, senza alcuna evidenza di ricrescita tumorale dopo 24-96 mesi di interruzione della Cabergolina, è stata osservata nella maggioranza dei pazienti con iperprolattinemia non-tumorale e microprolattinoma, ed in quasi la metà dei pazienti con macroprolattinoma.
I livelli nadir di prolattina e del diametro massimo tumorale alla sospensione della Cabergolina inferiore o uguale a 162 mU/l, ed inferiori o uguali a 3,1 mm, erano in grado di predire la remissione dell’iperprolattinemia nell’80% dei pazienti. ( Xagena2007 )

Colao A et al, Clin Endocrinol 2007; 67: 426-433



Endo2007 Farma2007 Onco2007


Indietro

Altri articoli

I prolattinomi sono tumori ipofisari comuni che possono causare disfunzione gonadica e infertilità legata a iperprolattinemia. Gli agonisti della dopamina...


Sono stati valutati gli effetti della Levodopa e dell’agonista della dopamina D2 Cabergolina ( Cabaser ) sul turnover della dopamina...


Il trattamento con Cabergolina è stato associato all’insorgenza di valvulopatia cardiaca fibrotica.Il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto ( RCP )...


Sul The New England Journal of Medicine ( NEJM ) sono stati pubblicati due studi osservazionali sull’aumento del rischio di...


L’apoplessia pituitaria è una condizione clinica minacciante la vita, seppur rara, causata da emorragia ed infarto della ghiandola pituitaria, o...


Gli agonisti selettivi dei recettori dopaminergici di tipo 2, come la Cabergolina, comunemente adoperati come farmaci di prima linea nella...


Case report e studi di ecocardiologia hanno indicato che gli agonisti della dopamina derivati dall’ergot, Pergolide ( Permax / Nopar...


Due studi caso-controllo hanno fornito evidenza che 2 agonisti della dopamina derivati dall’ergot, Pergolide ( Nopar ) e Cabergolina (...


Attraverso la Rete Nazionale di Farmacovigilanza ( RFN ) sono pervenute all’AIFA alcune segnalazioni che associano l'uso della Cabergolina ( Cabaser...