L'uso della Cannabis nell'adolescenza associato a successiva ipomania


L'uso della Cannabis nell'adolescenza sembra essere indipendentemente associato a futura ipomania, un disturbo dell'umore caratterizzato da espansività o irritabilità.

Nello studio prospettico, i ricercatori hanno analizzati i dati di 3.370 partecipanti allo studio ALSPAC ( Avon Longitudinal Study of Parents and Children ), una coorte di nati nel Regno Unito.

I genitori hanno compilato questionari sulla salute e sullo sviluppo dei bambini a partire dal primo trimestre di gravidanza.
Inoltre, i bambini sono stati sottoposti a una valutazione annuale, che comprendeva interviste faccia-a-faccia, test psicologici ed esami fisici.

Quando i bambini dello studio hanno raggiunto l'età di 22-23 anni, è stato chiesto loro di completare un questionario.
Ai partecipanti è stato chiesto dell'uso della Cannabis all'età di 17 anni.

I partecipanti sono stati esaminati all'età di 18 anni per i sintomi psicotici con valutazione mediante la scala PLIKS ( Psychosis Like Symptom Interview ).
Anche i sintomi depressivi sono stati valutati all'età di 17-18 anni utilizzando la scala CIS-R ( Revised Clinical Interview Schedule ).

Facendo uso dell'analisi di regressione, i ricercatori hanno valutato l'associazione prospettica tra l'uso di Cannabis a 17 anni e la successiva ipomania a 22-23 anni.
Questa analisi è stata adattata per sesso, fattori di rischio ambientale, consumo di alcol e droghe, depressione e sintomi psicotici.

E' stato osservato nell'analisi non-aggiustata che l'ipomania a 22-23 anni era significativamente associata sia all'uso di Cannabis sia all'uso di Cannabis almeno due o tre volte alla settimana.

È stata anche evidenziata una relazione dose-risposta, con una correlazione più forte quando la Cannabis veniva utilizzata almeno due o tre volte a settimana.

Queste correlazioni sono risultate solo leggermente diminuite dopo aggiustamento per i sintomi psicotici e depressivi.
Le associazioni erano ulteriormente indebolite dopo aggiustamento per uso di droghe e alcol, ma sono rimaste forti.
Infine, l'aggiustamento per sesso, avversità familiari e abuso infantile ha attenuato le associazioni, ma si sono mantenute ancora significative ( odds ratio, OR = 2.21, IC 95%, 1.49-3.28 ).

Anche l'uso della Cannabis due-tre volte a settimana è risultato essere un importante fattore predittivo sia di depressione ( OR = 2.48; IC 95%, 1.6-3.83 ) sia di sintomi psicotici ( OR = 3.33; IC 95%, 2.01-5.53 ).

Dallo studio è emerso che l'uso di Cannabis negli adolescenti è un fattore di rischio indipendente per l'ipomania.
Lo studio ha anche identificato l'uso della Cannabis come meccanismo in grado di spiegare come l'abuso infantile possa portare all'ipomania in età adulta. ( Xagena2017 )

Fonte: Schizophrenia Bulletin, 2017

Psyche2017 Pedia2017



Indietro

Altri articoli

Tra i pazienti con emorragia subaracnoidea aneurismatica, quelli con un consumo recente di Cannabis avevano maggiori probabilità di avere un'ischemia...


Uno studio ha evidenziato un elevato rischio di malattia cardiovascolare di tipo aterosclerotico associato all'uso di Cannabis. Dei 7.159 partecipanti (...


Gli studi sugli animali hanno dimostrato che il cervello degli adolescenti è sensibile alle interruzioni nella segnalazione degli endocannabinoidi, con...


Alla luce dell'aumento dell'uso di Cannabis tra le donne in gravidanza, il Surgeon General degli Stati Uniti ha recentemente emesso...


Esiste una necessità clinica sostanziale e insoddisfatta per il trattamento farmacologico dei disturbi da uso di Cannabis. Il Cannabidiolo potrebbe...


La Cannabis è una delle droghe più utilizzate al mondo. Il disturbo da uso di Cannabis è caratterizzato dall'uso ricorrente...


L'uso di Cannabis è associato ad un aumentato rischio di successivo disturbo psicotico, ma non è chiaro se influisca sull'incidenza...


Da una ricerca è emerso che tra coloro che hanno sofferto di un infarto miocardico prima dei 50 anni, uno...


Fumare Cannabis ad alta potenza può causare danni alla materia bianca nel corpo calloso, interferendo così con la comunicazione tra...