Palbociclib e Cetuximab nel tumore della testa e del collo non-correlato a HPV, resistente a Platino e a Cetuximab


La maggior parte dei carcinomi a cellule squamose della testa e del collo ( HNSCC ) sono guidati da inattivazione p16INK4A e sovraespressione di ciclina D1 che si traduce in iperattivazione delle chinasi ciclina-dipendente 4 e 6 ( CDK4/6 ), anziché dal papillomavirus umano ( HPV ).
L'espressione deregolata di ciclina D1 provoca anche resistenza agli inibitori EGFR.

E' stato precedentemente riportato che Palbociclib [ Ibrance ] ( un inibitore selettivo di CDK4/6 ) somministrato con Cetuximab [ Erbitux ] ( un inibitore di EGFR ) è sicuro.
È stata stabilita la percentuale di pazienti che ottengono una risposta obiettiva con Palbociclib e Cetuximab con tumore HNSCC ricorrente o metastatico.

È stato condotto uno studio multicentrico, di fase 2, per valutare l'attività di Palbociclib e Cetuximab nel carcinoma HNSCC non-correlato a HPV, resistente al Platino ( gruppo 1 ) e resistente a Cetuximab ( gruppo 2 ).
Lo studio è stato condotto in otto siti universitari negli Stati Uniti.
L’idoneità richiedeva malattia misurabile ( criteri RECIST versione 1.1 ), ECOG performance di 0-2, età pari o superiore a 18 anni e progressione della malattia con Platino ma naive al Cetuximab ( gruppo 1 ) o progressione della malattia con Cetuximab ( gruppo 2 ).

Tutti i pazienti hanno ricevuto Palbociclib per via orale ( 125 mg/die, giorni 1-21 ) e Cetuximab per via endovenosa ( 400 mg/m2 al ciclo 1, giorno 1, quindi 250 mg/m2 una volta alla settimana ) in cicli di 28 giorni.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva ( risposte complete e risposte parziali secondo i criteri RECIST 1.1 ).

Tra il 2015 e il 2018, 62 pazienti sono stati arruolati nello studio: 30 pazienti sono stati arruolati nel gruppo 1 e 32 nel gruppo 2.
Il follow-up mediano è stato di 5.4 mesi per il gruppo 1 e 5.5 mesi per il gruppo 2.

Nel gruppo 1, su 28 pazienti valutabili, una risposta obiettiva è stata raggiunta da 11 ( 39% ).

Nel gruppo 2, su 27 pazienti valutabili, una risposta obiettiva è stata raggiunta da 5 ( 19% ).

L'evento avverso più comune correlato a Palbociclib di grado 3-4 è stata la neutropenia ( 21 su 62 pazienti, 34% ).

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Nei pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo non-correlato a infezione da HPV resistente al Platino o al Cetuximab, il trattamento con Palbociclib e Cetuximab ha prodotto esiti promettenti.
Sono necessari ulteriori studi sugli inibitori di CDK4/6 nel tumore del testa-collo a cellule squamose non-correlato a HPV. ( Xagena2019 )

Adkins D et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1295-1305

Onco2019 Med2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Le mutazioni di BRAF V600E sono raramente associate a risposte oggettive all'inibitore di BRAF Vemurafenib ( Zelboraf ) nei pazienti...


BEACON CRC ha valutato Encorafenib ( Braftovi ) più Cetuximab ( Erbitux ) con o senza Binimetinib ( Mektovi )...



Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore di PD-1, e Cetuximab ( Erbitux ), un inibitore di EGFR, sono attivi come...


La terapia di rechallenge con farmaci anti-EGFR ( recettori del fattore di crescita epidermico ) è stata suggerita nei pazienti...


In precedenza era stato dimostrato che l'inibitore irreversibile dei recettori tirosin-chinasici ( TKI ) della famiglia ErbB, Afatinib ( Giotrif...


Il trattamento di seconda linea con chemioterapia più Bevacizumab ( Avastin ) o Cetuximab ( Erbitux ) è una...


Sulla base di un piccolo studio retrospettivo, il rechallenge con terapia a base di Cetuximab ( Erbitux ) per i...


L'incidenza del tumore orofaringeo positivo al papillomavirus umano ( HPV ), una malattia che colpisce i pazienti più giovani, è...