Radioterapia più Cisplatino o Cetuximab nel tumore orofaringeo positivo al papillomavirus umano a basso rischio: studio De-ESCALaTE HPV


L'incidenza del tumore orofaringeo positivo al papillomavirus umano ( HPV ), una malattia che colpisce i pazienti più giovani, è in rapido aumento.
Cetuximab ( Erbitux ), un inibitore del recettore del fattore di crescita epidermico, è stato proposto per ridurre la tossicità del trattamento standard con Cisplatino in questo contesto, ma non esistono prove randomizzate per l'efficacia di questa strategia.

È stato condotto uno studio di fase 3, randomizzato, controllato, in aperto, in 32 Centri di trattamento del testa-collo in Irlanda, Paesi Bassi e Regno Unito, in pazienti di età pari o superiore a 18 anni con neoplasia orofaringea a basso rischio HPV-positiva ( non-fumatori o fumatori per tutta la vita con una storia di fumo inferiore a 10 anni-pacchetto ).
I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere, oltre alla radioterapia ( 70 Gy in 35 frazioni ), Cisplatino per via endovenosa ( 100 mg/m2 nei giorni 1, 22 e 43 della radioterapia ) o Cetuximab per via endovenosa ( 400 mg/m2 dose di carico seguita da 7 infusioni settimanali di 250 mg/m2 ).

L'esito primario era rappresentato da eventi di tossicità complessivi ( grado 3-5 ) a 24 mesi dalla fine del trattamento.
L'esito primario è stato valutato mediante analisi intention-to-treat e per-protocol. Tra il 2012 e il 2016, sono stati reclutati 334 pazienti ( 166 nel gruppo trattato con Cisplatino e 168 nel gruppo trattato con Cetuximab ).

La tossicità complessiva ( acuta e tardiva ) grave ( grado 3-5 ) non differiva significativamente tra i gruppi di trattamento a 24 mesi ( numero medio di eventi per paziente 4.8 con Cisplatino vs 4.8 con Cetuximab; P=0.98 ).

A 24 mesi, la tossicità complessiva di tutti i gradi non ha mostrato differenze significative ( numero medio di eventi per paziente 29.2 con Cisplatino vs 30.1 con Cetuximab; P=0.49 ).
Tuttavia, vi era una differenza significativa tra Cisplatino e Cetuximab nella sopravvivenza globale a 2 anni ( 97.5% vs 89.4%, hazard ratio, HR=5.0; P=0.001 ) e nella recidiva a 2 anni ( 6.0% vs 16.1%, 3.4; P=0.0007 ).

Rispetto al regime standard di Cisplatino, Cetuximab non ha mostrato alcun beneficio in termini di ridotta tossicità, ma ha invece mostrato un significativo danno in termini di controllo del tumore.
Il Cisplatino e la radioterapia dovrebbero essere usati come standard di cura per i pazienti a basso rischio HPV-positivi che sono in grado di tollerare il Cisplatino. ( Xagena2019 )

Mehanna H et al, Lancet 2019; 393: 51-60

Onco2019 Oto2019 Inf2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Le mutazioni di BRAF V600E sono raramente associate a risposte oggettive all'inibitore di BRAF Vemurafenib ( Zelboraf ) nei pazienti...


BEACON CRC ha valutato Encorafenib ( Braftovi ) più Cetuximab ( Erbitux ) con o senza Binimetinib ( Mektovi )...



Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore di PD-1, e Cetuximab ( Erbitux ), un inibitore di EGFR, sono attivi come...


La terapia di rechallenge con farmaci anti-EGFR ( recettori del fattore di crescita epidermico ) è stata suggerita nei pazienti...


In precedenza era stato dimostrato che l'inibitore irreversibile dei recettori tirosin-chinasici ( TKI ) della famiglia ErbB, Afatinib ( Giotrif...


Il trattamento di seconda linea con chemioterapia più Bevacizumab ( Avastin ) o Cetuximab ( Erbitux ) è una...


La maggior parte dei carcinomi a cellule squamose della testa e del collo ( HNSCC ) sono guidati da inattivazione...


Sulla base di un piccolo studio retrospettivo, il rechallenge con terapia a base di Cetuximab ( Erbitux ) per i...